CALCIOMERCATO/ Inter, Maicon resta, parola dell’agente

- La Redazione

Roberto Calenda, procuratore del terzino brasiliano, intervistato in esclusiva per Radio Sportiva ha escluso un suo possibile addio alla società nerazzurra nella prossima stagione.

Maicon_r400
Douglas Maicon (foto Ansa)

Le numerose voci che vedono il futuro di Maicon lontano dall’Inter sembrano destinate a venire smentite. Dopo il comunicato della società diramato sul sito ufficiale, anche l’agente di Maicon arriva a gettare acqua sul fuoco intorno a quello che rischia di essere un vero e proprio tormentone del prossimo mercato. Già indicato ad abbandonare l’Inter nella scorsa stagione, con l’insistente pressing del Real Madrid di Mourinho su di lui, pareva infatti che l’amore tra il terzino brasiliano e la società meneghina fosse giunto al capolinea, soprattutto dopo l’ingenua ammonizione rimediata nella semifinale di Coppa Italia ed il ritorno anticipato in Brasile. Mai sensazione fu però più sbagliata; parola di Roberto Calenda, procuratore del brasiliano che, intervistato in esclusiva a Radio Sportiva, ha affrontato l’argomento: “Ormai lui ha le spalle grosse, è abituato alle voci su di lui. L’Inter ha già smentito, Maicon è partito per il Brasile autorizzato dalla società per assistere alla nascita della figlia. Ha un contratto con l’Inter, è un professionista serissimo, mai avuti problemi di rientri in ritardo o partenze non autorizzate.”

Incalzato poi sul futuro del suo assistito, Calenda ha così risposto: “Le sirene non mancano perchè è il più forte al mondo nel suo ruolo, ma lui è già in una squadra importante, non è assolutamente un trasferimento facile, tante parti devono combaciare”. Chiusura infine dedicata al rapporto con Leonardo. “Lui non ha mai creato problemi a nessun allenatore, ha sempre dato il massimo all´Inter: in un anno possono esserci infortuni o cali di forma, soprattutto nell´anno post mondiale. Ha un ottimo rapporto con l´allenatore, infatti negli ultimi mesi è tornato sui suoi livelli. La mancata convocazione a Parma? L´allenatore è pagato per prendere queste decisioni, la questione si chiude subito dentro lo spogliatoio”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori