CALCIOMERCATO/ Inter, Stankovic: In nerazzurro altri tre anni

- La Redazione

Sono in molti convinti del fatto che a partire dal prossimo 1 luglio il club campione d’Europa uscente potrebbe apportare una semi-rivoluzione sfoltendo la rosa, ma Stankovic rimane

stankovic_etoo_R375x255_30tt09
Stankovic con Eto'o (Foto Ansa)

CALCIOMERCATO INTER – Continuano le voci che vogliono l’Inter pronta ad essere smantellata per poi essere ricostruita in vista della prossima campagna acquisti estiva. Sono in molti convinti del fatto che a partire dal prossimo 1 luglio il club campione d’Europa uscente potrebbe apportare una semi-rivoluzione sfoltendo la rosa dei giocatori in esubero per assicurarsi nuove superstar di primissima fascia. Fra i partenti, comunque, non dovrebbe esserci Dejan Stankovic. Il centrocampista di origini serbe, intervistato dalla stampa del proprio paese, ha giurato: «Tornare alla Stella Rossa? Non voglio scatenare i titoli sui giornali promettendo di tornare alla Stella Rossa – si legge su Fcinternews.it – io ho un contratto con l’Inter fino al 2014 e sono sicuro di rimanere a Milano per altri tre anni. Ho parlato anche con mia moglie e abbiamo deciso che per i bambini è meglio finire la scuola qui. Mi piacerebbe giocare almeno una partita d’addio al Marakanà di Belgrado, per uno che come me è cresciuto lì».

Stankovic ha proseguito: «Non ho sogno irrealizzati nel calcio. Tutte le difficoltà sono state dimenticate nella notte di Madrid. Quando sollevi la Champions ti rendi conto che hai fatto una cosa enorme. Poi è arrivato anche il titolo di campione del mondo».

Si parla anche di Mourinho, Stankovic svela un curioso retroscena: «Lo sento regolarmente. Mi ha chiamato prima della partita contro la Roma e mi ha detto: “Dejan, siete stati eliminati dalla Champions, ma bisogna andare avanti. Siete ancora una grande squadra, non dimenticatevi di essere i campioni del mondo”. Questo dimostra quanto sia un grande uomo e un grande allenatore. E poi ha portato fortuna perché io ho segnato un gran gol e l’Inter ha vinto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori