CALCIOMERCATO/ Inter, Nagatomo: Vorrei essere riscattato

- La Redazione

Sbarcato alla Pinetina durante il mercato di riparazione il nazionale giapponese ha conquistato a poco a poco la fiducia dell’ambiente ed ora è un titolare inamovibile

nagatomo_inter_R400_4feb11
Nagatomo con la maglia nerazzurra (Foto Ansa)

CALCIOMERCATO INTER – Yuto Nagatomo è indubbiamente uno dei migliori acquisti della stagione 2010-2011 di casa Inter. Sbarcato alla Pinetina durante il mercato di riparazione il nazionale giapponese ha conquistato a poco a poco la fiducia dell’ambiente ed ora è un titolare inamovibile. Nagatomo è in prestito dal Cesena ma la volontà del diretto interessato è una sola: «Vorrei essere riscattato dall’Inter – ammette il terzino in un’intervista concessa al sito ufficiale del club – credo che questo per me sia un momento importante, giocare bene e mostrare tutte le mie qualità. Il ritorno a Cesena per la gara di settimana scorsa? È stato bello, ho parlato con Ficcadenti che era molto contento, e poi con Parolo e Giaccherini, due amici che hanno avuto nei miei confronti parole straordinarie. Sappiamo bene che l’Inter ha tanti campioni, con tante qualità: dobbiamo migliorare il gioco e anche la corsa, dobbiamo correre di più».

Nagatomo sembra aver instaurato un ottimo rapporto con il gruppo nerazzurro ed in particolare con mister Leonardo: «Con Leonardo ho un buon rapporto, punta sui dettagli, parla molto con noi e per questo lo ringrazio. Se sono insicuro lui mi spiega tutto, anche in giapponese, è un grande allenatore. Mi ha aiutato e mi aiuta molto. Guardiola? È un grande allenatore, che ha costruito un grande Barcellona, ma sono un giocatore dell’Inter e devo concentrarmi sotto la guida di Leonardo e io, in questa fase finale della stagione, come tutti voglio fare bene, anche per Leonardo».

Chiusura sul mercato della prossima estate. Secondo Yuto non sono necessarie rivoluzioni: «Il mercato? Non credo che l’Inter abbia bisogno di ipotesi esagerate, siamo una squadra forte e molto competitiva».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori