CALCIOMERCATO/ Inter, Julio Cesar-Roma: nuova smentita

- La Redazione

Secondo i rumors l’Inter avrebbe offerto ai capitolini il cartellino dell’estremo difensore verdeoro con la possibilità di intavolare delle operazioni interessanti targate Menez o Vucinic

Cesar_Julio_R375_25feb09
Julio Cesar (Ansa)

CALCIOMERCATO – Continua a circolare la voce che vuole Julio Cesar vicino alla Roma in vista del calciomercato estivo. Secondo i rumors l’Inter avrebbe offerto ai capitolini il cartellino dell’estremo difensore verdeoro con la possibilità di intavolare delle operazioni interessanti targate Menez o Vucinic. L’agente di Julio Cesar, però, ha voluto smentire tutto. Roberto Calenda intervenendo a Radio Radio ha confessato: «Io devo dire che sono rimasto molto sorpreso da questa cosa. La Roma penso che in questo momento sia indaffarata a decidere tutte le sue posizioni interne di società, dare queste notizie così in una piazza come quella di Roma si possono creare grandi equivoci. Julio ha un contratto importante e sta in una società importante. Anche se questo non vuol dire che la Roma non sia una squadra adatta per Julio Cesar. Ma questi trasferimenti sono molto importanti e sono cose delicate. Escluderei qualsiasi tipo di trattativa».

Si parla di una decurtazione dell’ingaggio di Julio Cesar che avrebbe spinto lo stesso estremo difensore a salutare la Pinetina: «Io volevo fare una precisazione. Non escluderei che la Roma e la nuova proprietà si possa permettere di ingaggiare giocatori con contratti onerosi. Ancora non possiamo saperlo. Non so la nuova Roma che tipo di politica voglia fare. So che vogliono fare una Roma giovane e di livello ma è prematuro, stiamo parlando di un giocatore importantissimo. Il più forte al mondo nel suo ruolo. E’ normale che una grande squadra incomincia dal portiere, dal difensore centrale, da un centrocampista e da un attaccante di grande qualità. Ma da lì a scrivere che si offre alla Roma è fantacalcio totale».

Calenda conclude: «Vuole rimanere all’Inter? Sì. Penso che stiano ancora sistemando le loro questioni con l’allenatore, bisogna prima vedere cosa decidono con l’allenatore e con il programma».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori