CALCIOMERCATO/ Inter, su Tevez c’è l’Arsenal!

- La Redazione

La medicina rischia di diventare sempre più amara per i tifosi dell’Inter che in questa sessione di calciomercato vedranno molto probabilmente l’addio di Samuel Eto’o. Ma Tevez arriverà?

nasri_R400_15giu11
Nasri (Ansa)

La medicina rischia di diventare sempre più amara per i tifosi dell’Inter che non solo in questa sessione di calciomercato vedranno molto probabilmente l’addio di Samuel Eto’o, ma addirittura sfuma lo “zucchero” dell’ingaggio di Carlos Tevez (su cui già il noto procuratore Peppino Tirri, che sta curando l’operazione Eto’o-Anzhi in una intervista esclusiva a IlSussidiario.net aveva definito “difficile”). Sarebbe infatti proprio l’Arsenal il nuovo avversario dell’Inter nella trattativa – ancora non avviata stando almeno alle dichiarazioni ufficiali – per ingaggiare un Carlos Tevez che con Manchester abbia proprio chiuso. Nel giro di una settimana infatti l’Arsenal potrebbe veder partire le colonne del proprio centrocampo. Ovvero Cesc Fabregas che finalmente si ricongiungerà al suo Barcellona e Samir Nastri, obiettivo proprio del City di Mancini. Vero che stando alle indiscrezioni che arrivano direttamente dalla Ligue 1, ben conosciuta dall’allenatore dei Gunners, Wenger avrebbe trovato in Andre Ayew, centrocampista offensivo ganese in forza al Marsiglia, il sostituto di Nasri, ma secondo il Sun il top player in arrivo all’Arsenal sarebbe proprio Tevez. Brutto colpo per Moratti che forse accarezzava l’idea di poter palcare i furori della piazza nerazzurra proprio ingaggiando l’Apache e che ora si trova uno scomodo concorrente in più. Secondo il Sun, Tevez starebbe cercando praticamente di “scappare” da Manchester e quindi il primo che arriva (o quasi) può chiudere l’affare. Certamente Londra non ha nulla da invidiare come appeal a Milano, che forse può offrire giusto qualche giornata di sole in più, ma poco altro a livello di svago e vita notturna che la City non possa dare. La proposta sarebbe proprio partita da Wenger che avrebbe proposto uno scambio con Tevez, arrivando anche a condizionare il trasferimento di Fabregas a Barcellona. La trattativa è complicata su più fronti e sia il Manchester City che l’Arsenal hanno i loro punti deboli in questa operazione. Del City abbiamo detto, è la volontà del giocatore. Dell’Arsenal è presto detto: Nasri si muove solo per via della sontuosa offerta di ingaggio, e può tirare la corda perché il contratto gli scade tra un anno, mettendo l’Arsenal in una posizione di debolezza. A grandi linee il valore di Tevez è circa il doppio di quello di Nasri, ma a Londra sperano che con lo scambio e il conguaglio l’esborso per le casse dei Gunners si possa ridurre a una decina di milioni di sterline. Che permetterebbe di chiudere il cerchio con la cessione di Fabregas e autofinanziare l’operazione. Inter quindi in procinto di essere sorpassata nella trattativa per l’Apache, ma non solo. Si perché c’è anche un altro problema che riguarda i nerazzurri in questo valzer.

 

Si tratta infatti di Sneijder. Proprio l’olandese potrebbe infatti essere considerato il tassello giusto per il mosaico di Wenger qualora Tevez rimanga a Manchester, ipotesi che alla fine Mancini stesso non ha affatto escluso. Difficile che il Manchester City molli Nasri (meno caro e più giovane), più facile quindi che ci provi l’Arsenal, ma sicuramente l’offerta sarebbe più bassa. A questo punto però tutti cominciano a chiedersi: dove metterà l’Inter i soldi delle cessioni? E le parole “fair play finanziario” cominciano a fare paura…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori