CALCIOMERCATO/ Inter, Eto’o-Anzhi congelato: il Malaga torna alla carica?

Niente da fare, la fatidica fumata bianca che doveva portare Eto’o dall’Inter all’Anzhi nella giornata di ieri, non è arrivata. Il Malaga torna alla carica del camerunese.

20.08.2011 - La Redazione

CALCIOMERCATO INTER – Niente da fare, la fatidica fumata bianca che doveva portare Eto’o dall’Inter all’Anzhi nella giornata di ieri, non è arrivata. Il nazionale camerunese, Pallone d’Oro africano, ha raggiunto da tempo l’intesa con il club del Daghestan, sulla base di un contratto triennale da ben 60 milioni di euro, ma le due società non riescono a trovare l’accordo. La società di corso Vittorio Emanuele chiede 30 milioni di euro per il goleador ex-Barcellona e sarebbe scesa proprio ieri a 29. L’Anzhi, invece, si sarebbe spinto fino a 24, trovando l’opposizione dei dirigenti nerazzurri, un’indiscrezione che non trova però conferme visto che pare che i russi siano rimasti fermi sull’offerta iniziale da 20 milioni. «La trattativa al momento è congelata – ha detto nel tardo pomeriggio di ieri l’agente italiano Peppino Tirri, mediatore nell’operazione – e non sono per nulla ottimista. Per adesso è tutto fermo: la trattativa è chiusa, se ne parla domani». Dichiarazioni che non lasciano presagire nulla di buono. Sembrava fosse ormai tutto fatto per l’ufficializzazione di Eto’o in Daghestan ma evidentemente l’Anzhi ha trovato più intoppi di quanto previsto. E a margine di tale situazione non si può sottovalutare la posizione del Malaga. Hanno fatto scalpore le parole rilasciate ieri da Abdullah Al-Thani, lo sceicco patron degli spagnoli che aveva spiegato di non aver problemi a fare investimenti da “60 milioni”, aggiungendo altresì dell’interesse mostrato da Eto’o e Sneijder nei confronti proprio del Malaga. La società spagnola sogna in grande, basti pensare che durante la campagna acquisti estiva si è assicurata una decina di giocatore, fra cui spuntano Van Nistelrooy, Toulalan, Joaquin e Santi Cazorla. Non è da escludere, visto come si sono messe le cose fra l’Inter e l’Anzhi, che gli iberici tornino alla carica presentando al giocatore un contratto alla pari e nel contempo offrendo alla società meneghina i 30 milioni di euro richiesti. La cosa certa è che difficilmente, comunque si concluderà la vicenda, Eto’o vestirà la prossima stagione la casacca dei campioni del mondo. A meno di un imprevisto quanto improbabile colpo di scena l’ex blaugrana lascerà per sempre Milano essendosi esposto in prima persona in più occasioni. Nel frattempo Eto’o si sta allenando ad Appiano Gentile in attesa di un fax dalla Russia con un’offerta scritta che i dirigenti nerazzurri sperano sia finalmente vicina a quanto richiesto.

L’Inter dovrà poi essere abile nell’assicurarsi un sostituito del centravanti di colore. Diego Forlan, dell’Atletico Madrid, potrebbe non bastare. Carlitos Tevez sarebbe il sostituto ideale ma la trattativa con il Manchester City appare difficile.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori