CALCIOMERCATO/ Inter, Tevez troppo caro: Forlan l’unica alternativa

Dovrebbe essere oggi il giorno dell’ufficialità di Samuel Eto’o all’Inter. Il campione camerunese ha già salutato tutti alla Pinetina nella giornata di sabato, Tevez il sostituto?

22.08.2011 - La Redazione
Tevez_r400_4ott10
Tevez, foto Ansa

Dovrebbe essere oggi il giorno dell’addio ufficiale di Samuel Eto’o all’Inter. Il campione camerunese ha già salutato tutti alla Pinetina nella giornata di sabato e ieri il suo agente, Claudio Vigorelli, ha fatto sapere che nelle prossime ore potrebbe arrivare la tanto attesa fumata bianca. L’Inter incasserà circa 30 milioni di euro, mentre al giocatore ne andranno 60 di ingaggio in tre anni. I campioni del mondo realizzeranno un’operazione da circa 99 milioni di euro tra incasso derivante dalla vendita del cartellino e risparmio sull’ingaggio, che ammontava a ben 10 milioni di euro netti all’anno (circa 20 lordi). In corso Vittorio Emanuele hanno già iniziato la corsa al sostituto. In cima alla lista dei desideri c’è Diego Forlan, attaccante dell’Atletico Madrid e della nazionale uruguagia. Nelle ultime ore si è parlato di un disturbo del Paris Saint Germain e dello Zenit San Pietroburgo, ma l’Inter appare la società nettamente in vantaggio sulle altre, essendosi mossa con largo anticipo rispetto alla nutrita concorrenza. Si attende quindi l’ufficialità di Eto’o all’Anzhi per poi chiudere la trattativa con i Colchoneros. Sembra invece molto difficile l’arrivo di Carlitos Tevez all’Inter. L’attaccante del Manchester City e della nazionale argentina è il prescelto di Massimo Moratti e del direttore dell’area tecnica Marco Branca ma l’Inter non vuole sottostare alle condizioni dei Citizens che chiedono ben 40/45 milioni di euro per lasciare partire l’Apache. L’idea della società meneghina è di un prestito con diritto di riscatto – fissato attorno ai 25/30 milioni di euro – ma la proposta non sembra trovare accoglienza in Inghilterra. Per l’attacco si sono fatti altri nomi, leggasi Ezequiel Lavezzi del Napoli e Mauro Zarate della Lazio. Il primo, a meno di clamorosi colpi di scena, non dovrebbe lasciare Castelvolturno entro il 31 agosto di questo anno, anche se l’Inter starebbe spingendo con un’offerta pari al cartellino di Goran Pandev più cash. Il nazionale macedone, in realtà, non sarebbe propriamente convinto della meta partenopea così come del Genoa. L’ex Lazio sembrava potesse rientrare nell’affare Kucka con i rossoblu ma la situazione è a tutt’oggi molto incerta. Tutto fermo invece sul fronte Zarate: per l’attaccante della Lazio si apriranno probabilmente le porte della Premier, con l’Arsenal di Wenger che sembra essere in vantaggio nella corsa all’argentino.

Resta quindi tutto un rebus in casa Inter, anche se la prestazione di ieri in amichevole contro l’Olympiakos ha palesato evidenti difficoltà della rosa nerazzurra. Gasperini ha fatto sapere di avere bisogno assoluto di almeno tre rinforzi: a nove giorni dalla chiusura del calciomercato estivo, il tempo comincia a stringere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori