CALCIOMERCATO/ Inter, Eto’o e Sneijder, campioni in bilico

- La Redazione

E’ ancora incerta la permanenza all’Inter di Eto’o e Sneijder. Il primo è corteggiato dall’Anzhi, il secondo dai due Manchester. L’olandese ha ammesso di essere sul mercato…

wesley_sneijder_r400
Wesley Sneijder (foto Ansa)

Al via del prossimo campionato l’Inter potrebbe partire senza Eto’o e Sneijder. Possibile? Sì, il rischio esiste ed è concreto. Massimo Moratti sembra aver sposato la linea del rigore e dei conti in ordine, per cui tutto può succedere. L’ad Paolillo va ripetendo da settimane che tutti sono cedibili a fronte di ottime offerte. I tifosi nerazzurri sono tutt’altro che tranquilli, essendo i due campioni corteggiati a suon di milioni dalle big estere. Poche ore prima della Supercoppa, in cui ha ribadito la sua indispensabilità, Sneijder sembrava ormai del Manchester City, circostanza poi smentita da tutte le parti in causa. L’olandese, parlando con Voetbal International, ha però confermato di essere sul mercato. Se arriva la solita offertona, ha sottolineato, la sua partenza è molto probabile. Lo stesso Sneijder ha anche smentito contatti con i due Manchester. Il suo futuro verrà chiarito entro il termine delle vacanze, dunque poco dopo Ferragosto, visto che il giocatore avrà diritto a 5 giorni di ferie dopo il test a Wembley della sua Olanda contro l’Inghilterra. Come l’ex-Real, anche Eto’o rimane in bilico. I russi dell’Anzhi non recedono dai loro propositi ed hanno confermato la super-offerta di ingaggio da 20 milioni netti a stagione. E’ un fiume di soldi, anche se il camerunense non sembra troppo allettato dalla prospettiva di giocare in Russia. Meglio il campionato inglese, sicuramente, dove lo cerca il Manchester City pigliatutto. Difficile, però, imbastire uno scambio con Carlos Tevez. L’Inter, ormai è chiaro, è disposta a prendere l’argentino solamente in prestito oneroso. Sembra questa la prospettiva più probabile per il futuro dell’Apache, che non vede l’ora di fare le valigie e lasciare la mai amata Manchester. Sneijder-Eto’o-Tevez; è su questo triangolo che si giocherà il presente ed il futuro dell’Inter targata Gasperini. Dai loro destini dipenderà quello della formazione nerazzurra, che in Supercoppa ha mostrato, almeno nel primo tempo, di stare assimilando i primi dettami tattici del Gasp. Ma anche di avere una condizione atletica ancora approssimativa, basti pensare allo ‘scoppio’ nella ripresa; e di aver bisogno di registrare soprattutto la difesa, apparsa in difficoltà di fronte alla forza d’urto di gente come Ibra e Boateng. Normale, soprattutto se si considera

Che Samuel, fresco di rientro dopo il grave infortunio, non può essere, logicamente, ancora al meglio. La prima Inter gasperiniana, tutto sommato, non è dispiaciuta troppo. Certo, con Sneijder ed Eto’o in meno, dovesse essere confermato il loro addio, cambierebbe – e non certo in meglio – la musica…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori