CALCIOMERCATO/ Gasperini-Inter, Wenger? Potrebbe fare bene… Peppino Tirri (ag.Fifa) in esclusiva

- La Redazione

Con Gasperini sempre più a rischio si torna a parlare di Wenger per la prossima stagione. Intervistato in esclusiva per ilsussidiario.net, Peppino Tirri non esclude l’ipotesi.

Wenger_r400
Wenger (Ansa)

Gian Piero Gasperini esonerato dopo la pesante sconfitta dell’Inter a Novara? Se lo chiedono in molti e la posizione del tecnico nerazzurro è sempre più a rischio, soprattutto dopo un mini-vertice tenutosi al termine della partita tra Ausilio, Branca, Moratti e Paolillo. Si inseguono insistenti le voci e le ipotesi riguardanti i più disparati tecnici del panorama europeo. Il sogno di Massimo Moratti resta ovviamente quel Pep Guardiola, splendido capo orchestra della macchina perfetta chiamata Barcellona. L’ipotesi però è quanto meno di difficile applicazione, soprattutto considerando la ferrea volontà della società catalana di continuare il progetto tattico che tanti successi ha portato alla squadra blaugrana. Ecco allora che in Corso Vittorio Emanuele si battono altre piste e si seguono altri nomi; partendo dal presupposto, ormai appurato, che l’addio di Gasperini sia cosa certa, sono tanti i nomi circolati intorno alla panchina nerazzurra in queste ore. L’ultimo in ordine di tempo è quello di Arsene Wenger, manager dell’Arsenal che oltremanica sta vivendo una situazione sicuramente non facile, complice una campagna di mercato estiva caratterizzata dalla cessione di numerosissimi big presenti tra le fila dei Gunners. Per sondare la plausibilità della pista che porta al tecnico francese abbiamo contattato, in esclusiva per ilSussidiario.net, Peppino Tirri, noto agente Fifa ed esperto di calcio inglese. “Wenger all‘Inter? È un’ipotesi quantomeno prematura, difficile pensare, ad oggi, che il francese possa già decidere di dire addio all’Arsenal al termine della stagione. Inoltre ogni anno si ripropone la stessa situazione, con Wenger che lascia intendere che si tratti della sua ultima stagione sulla panchina dei Gunners per poi rimanere puntualmente lì”. Diverso diventa però il discorso in chiave futura: “Certamente Wenger è un ottimo allenatore che può fare benissimo all’Inter, però ribadisco è ancora troppo presto. In futuro chi lo sa, nel calcio tutto è possibile. Per ora però, il francese punta a far bene con l’Arsenal”. Ipotesi, quella di un Wenger prossimo allenatore dell’Inter, di difficile applicazione nell’immediato. Qualche spiraglio, anche se piccolissimo, potrebbe presentarsi già Gennaio, mentre decisamente più probabile che l’approdo del manager transalpino alla corte di Moratti possa avvenire la prossima estate. L’intenzione del numero uno nerazzurro è chiara, provare a ripetere con Wenger l’avventura di José Mourinho, ancora indimenticato dalle parti di Appiano Gentile.  

Così come il Vate i Setubal, il francese arriverebbe dalla Premier e a lui verrebbero affidati compiti e potere decisionale anche sul calciomercato, la speranza è che a questo possano seguire i medesimi risultati ottenuti nel biennio 2008-10 dallo Special One. Sarà però fondamentale fare attenzione e sperare che il tanto invocato Mourinho-bis non assuma improvvisamente i contorni di un Benitez-bis.  



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori