CALCIOMERCATO/ Inter, Kucka: Un sogno, aspetto gennaio…

- La Redazione

Il centrocampista, parlando con i media slovacchi, ha parlato dell’approdo all’Inter come di un sogno che si avvera. Prima, però, bisognerà attendere almeno il mercato di gennaio…

juraj_kucka_r400-1
Il genoano Kucka in azione (foto ANSA)

Juraj Kucka è promesso sposo dell’Inter. Ma lo slovacco, prima di abbracciare i colori nerazzurri, dovrà attendere il 2012. Gennaio o giugno, non è ancora deciso. Il suo futuro sarà comunque a Milano. Prima, da professionista qual è, cercherà di dare il massimo per la causa del Genoa. Anche per non subire i rimbrotti da parte della tifoseria e soprattutto da parte del presidente Preziosi, che già lo aveva bacchettato dopo la prima, scialba prestazione a Marassi contro l’Atalanta. All’Olimpico è arrivato poi il riscatto personale, con tanto di gol, il primo da quando è in Italia. Adesso Kucka può guardare con più tranquillità al futuro, anche a quello più immediato. Parlando con i media slovacchi il forte mediano ha espresso la sua contentezza per la prima rete italiana. Nell’occasione, ha ammesso, non è mancata un po’ di fortuna, tanto che un rimpallo gli ha consentito di depositare facilmente a porta vuota. Al gol è seguita una bella capriola, tanto per dare sfoggio delle sue doti acrobatiche. Il discorso è scivolato, poi, inevitabilmente, sul futuro interista. Per me, ha spiegato il giocatore, si tratta del classico sogno che s’avvera: “Era il mio sogno entrare in un grande club, questo mi dà più fiducia”. Kucka sta seguendo i risultati dell’Inter, anche se per il momento meglio non correre. Ansia non ce n’è, ha fatto sapere, ma la curiosità, la voglia di intraprendere questa nuova avventura è veramente tanta: “Come sapete si dovrà attendere almeno fino a gennaio…”, ha detto il genoano. Un elemento di sicuro spessore per una mediana in debito d’ossigeno come quella interista. Centrocampisti come Zanetti, Cambiasso, Stankovic hanno fatto la storia ma necessitano assolutamente dei giusti ricambi. Uno come Kucka potrebbe essere l’ideale, magari assieme all’ex-sampdoriano Andrea Poli. Le due sponde opposte di Genova che si riuniscono per cercare di riportare in alto l’Inter. E chissà se a gennaio ci sarà ancora Gasperini ad allenarli. Il tecnico si giocherà moltissimo nelle prossime settimane, a partire dall’impegno di stasera a Novara. Si giocherà sul sintetico ma quest’Inter, di sintetico, non dovrà avere nulla, anzi. Dovrà esser fatta tutta di carne e sudore, di grinta e umiltà, per cercare di strappare il primo successo stagionale e interrompere la spirale di infelicità.

I tifosi non vedono l’ora di tornare a sognare. E Kucka di diventare il loro nuovo idolo. I sogni son desideri…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori