INTER/ Moratti promuove Ranieri: Ora la conferma a Mosca

- La Redazione

Banco di prova domani sera in casa Inter. Dopo il successo contro il Bologna la compagine nerazzurra cerca la prima vittoria anche in Champions League a Mosca contro il Cska

Moratti_Massimo_R375_2ott08

INTER – Buona la prima per Claudio Ranieri che all’esordio sulla panchina dell’Inter, sabato sera sull’insidioso campo di Bologna, ha ottenuto la prima vittoria stagionale, ribaltando di colpo l’ambiente nerazzurro. I campioni del mondo uscenti potranno ora affrontare con maggiore serenità la sfida contro il Cska Mosca, in programma domani sera. Ieri la compagine meneghina è partita da Malpensa e i volti dei protagonisti, rispetto a qualche giorno fa, erano sicuramente più distesi e sereni. Sicuramente un’iniezione di fiducia in vista della trasferta moscovita che a questo punto rischia di diventare quasi fondamentale per il proseguo del cammino in Champions League. La sconfitta interna contro il Trabzonspor potrebbe infatti divenire un clamoroso boomerang tenendo contro degli impegni di Mosca appunto nonché di Lille e infine Trebisonda. Ieri il nuovo mister nerazzurro ha analizzato insieme a giocatori e staff la vittoria di Bologna cercando di capire le cose da migliorare e nel contempo quelle da promuovere. Il Testaccino ha chiesto un’altra grande prova ai suoi per Mosca, conscio delle difficoltà che nasconde la gara, all’apparenza facile e semplice. Un Ranieri rinvigorito non soltanto dalle critiche positive dei giornali ma anche da quelle del suo “principale”, il numero uno di corso Vittorio Emanuele Massimo Moratti. Il patron nerazzurro si è voluto complimentare di persona con Ranieri telefonicamente «per come ha disposto in campo la squadra, trasformata sotto l’aspetto fisico e mentale». Moratti ha aggiunto di aver rivisto la sua Inter, in una partita alquanto insidiosa dal punto di vista psicologico tenendo conto del fatto che il Bologna, solo pochi giorni prima, aveva fermato la capolista Juventus. «Ranieri è la persona giusta per far risalire l’Inter – ha aggiunto Moratti – per rilanciarla nella lotta per lo scudetto. Adesso però serve una conferma a Mosca». Una gara che lo stesso Moratti non vuole perdersi. Nonostante i molteplici impegni di lavoro con la Saras il presidente dell’Inter partirà al massimo entro domani mattina per abbracciare la squadra allo stadio Luzniki. Ranieri non è di certo un esordiente in Champions League ma l’ultimo ricordo legato alla coppa “dalle grandi orecchie” non è positivo. Era infatti il 16 febbraio 2011 quando la sua Roma veniva spazzata via in malo modo dallo Shakhtar Donetsk fra le mura domestiche dell’Olimpico.

Una sfida che finì 3 a 2 in favore degli ucraini e che fu poi il preludio alla sconfitta contro il Genoa di pochi giorni dopo che segnò il definitivo addio alla panchina della Roma. Brutti ricordi che Ranieri vuole assolutamente cancellare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori