PROBABILI FORMAZIONI/ Inter-Partizan Belgrado: ultime novità (Europa League gruppo H)

- La Redazione

L’Inter scenderà in campo questa sera a San Siro per sfidare il Partizan Belgrado. Andrea Stramaccioni punta su un moderato turnover con Livaja e Palacio in attacco

Guarin_e_Stramaccioni
Andrea Stramaccioni, allenatore Inter (Foto Infophoto)

L’Inter tornerà in campo questa a San Siro. I nerazzurri guidati da Andrea Stramaccioni ospiteranno i serbi di Belgrado, il prestigioso Partizan, per la gara valevole per i Gironi di Europa League. Dopo due pareggi e una sconfitta la compagine meneghina cerca la prima vittoria interna ma stasera sarà tutt’altro che semplice. Il club di Belgrado punta infatti al colpaccio dopo aver ottenuto solamente un punto nelle prime uscite e di conseguenza cercherà di dare il massimo per provare a violare San Siro. L’Inter, dal suo canto, vorrà invece fare bottino pieno in modo da affrontare i prossimi impegni di Coppa con più serenità. In caso di tre punti i nerazzurri salirebbero infatti a quota 7 lunghezze consolidando il primo posto in classifica.

–Ieri Stramaccioni ha voluto mettere in guardia i suoi in vista della sfida di questa sera: “La partita contro il Partizan è molto importante, perchè se riusciamo a fare risultato possiamo mettere un tassello importante nella corsa alla qualificazione e potremmo gestire le energie nelle gare di ritorno. Il Partizan è in salute ed è primo nel campionato serbo, sarà una partita difficile. Siamo in un momento in cui stiamo lavorando bene e credo si sia visto in campo domenica, siamo sereni e con i piedi per terra. Dobbiamo tenere bene in testa che dobbiamo lavorare tanto e crescere senza guardare alla classifica o a obiettivi che potrebbero distoglierci dal vero obbiettivo che è il lavoro”. Come da copione l’allenatore nerazzurro utilizzerà un ampio turnover. Pronto un 3-4-1-2 con Handanovic fra i pali, difesa a tre con l’inedito Esteban Cambiasso come difensore centrale spalleggiato dalla conferma Juan Jesus e da Silvestre, rispolverato per l’occasione: “Ho un buon rapporto con Matias e vi assicuro che troverà spazio, pensate alle difficoltà avute da Ranocchia”. A centrocampo c’è ancora indecisione: Cambiasso potrebbe giocare in mediana con Samuel in difesa, ma è più probabile che in mezzo giochino Guarin e Cambiasso con Alvaro Pereira e Zanetti sugli esterni, anche se Nagatomo potrebbe avere un occasione. Infine il tridente d’attacco inedito con Coutinho nel ruolo di trequartista dietro al duo Livaja-Palacio.

In panchina si accomoderanno Belec, Ranocchia, Pereira, Jonathan, Mudingayi, Cassano, Milito. A proposito del Principe Stramaccioni è stato chiaro: “E’ l’unico insostituibile della squadra, perchè è l’unico che ho con quelle caratteristiche strutturali”

Out per infortuni vari Stankovic, Chivu, Sneijder, Obi, Castellazzi e Alvarez, quest’ultimo non inserito nella lista Uefa.

– L’allenatore del Partizan Belgrado, Vermezovic, ha caricato la squadra durante la conferenza stampa di ieri: “Davanti a noi c’è una sfida decisamente importante. Noi siamo una squadra giovane, ma vogliamo far bene. Vogliamo dare tutto, l’Inter è fortissima ma i nostri giovani vogliono impegnarsi al massimo in uno stadio bellissimo. Sicuramente domani Stramaccioni farà turnover ma non fa differenza per noi. Vogliamo un risultato positivo, mi aspetto un incontro ad alti livelli e spero che i miei non temano troppo l’Inter. Per noi sarà un’esperienza preziosa”. Il tecnico risponderà a Stramaccioni con un 4-2-3-1 come al solito a trazione anteriore. In porta andrà Petrovic, davanti ad una difesa a quattro formata da Miljkovic e Lazevski nel ruolo di terzino destro e sinistro, con Ostojic e Ivanov al centro. A centrocampo, in cabina di regia, spazio a Sasa Markovic affiancato da Medo. Sulla linea della trequarti, l’altro Markovic, il 17enne nazionale serbo Lazar che piace tantissimo all’Inter, una delle stelle del club, affiancato da Ilic e Tomic e dietro all’unica punta Mitrovic.

– Unico assente per infortunio Stojkovic.

 – In panchina andranno R. Ilic, Volkov, Sretenovic, Jojic, Ninkovic, Scepovic, Zubya. Attenzione in particolare a Nikola Ninkovic, anche lui classe 1994 al pari di Markovic e osservato speciale dall’Inter.

 

 

 

Handanovic; Silvestre, Cambiasso, Juan Jesus; Alvaro Pereira, Guarin, Gargano, Nagatomo; Coutinho; Livaja, Palacio. All. Stramaccioni

A disp: Belec, J. Zanetti, Ranocchia, Jonathan, Mudingayi, Milito, Cassano

Squalificati:

Indisponibili: Castellazzi, Chivu, Obi, Sneijder, Stankovic, R. Alvarez

 Petrovic; Miljkovic, Ostojic, Ivanov, Lazevski; S. Markovic, Medo; Tomic, L. Markovic, Ilic; Mitrovic. All. Vermezovic

A disp: R. Ilic, Sretenovic, Volkov, Ninkovic, Smilijanic, Scepovic, Zubya

Squalificati: –

Indisponibili: Stojkovic

 

Arbitro: Liany (Israele)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori