DIRETTA/ Bologna-Inter live (serie A 2012/2013): la partita in temporeale

- La Redazione

Bologna-Inter si gioca oggi alle 15 ed è valida per la nona giornata di serie A. I nerazzurri cercano la quinta vittoria consecutiva in campionato, felsinei che arrivano da due sconfitte.

Bologna_Inter
Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto)

Alle 15 l’Inter di Andrea Stramaccioni scende in campo a Bologna per la nona giornata di serie A. Gara interessante e importante per i nerazzurri, che vincendo manterrebbero un passo da scudetto e centrerebbero la quinta vittoria consecutiva in campionato. Il Bologna però vuole riprendersi dopo aver perso le ultime due gare, e abbandonare la zona calda della classifica; un pareggio sarebbe buono per i felsinei vista l’avversaria, per l’Inter sarebbe comunque utile ai fini del morale perchè si tratterebbe di un’altra partita trascorsa senza sconfitte. I precedenti sono tantissimi: in Emilia si sono giocate 74 partite. Il Bologna ha vinto l’ultima nel 2001/2002, anno che i nerazzurri ricordano malvolentieri (scudetto perso all’ultima giornata): finì 2-1 con le reti di Pecchia, Zauli e Seedorf. L’Inter invece ha vinto nell’ultima stagione, 3-1 con gol di Pazzini, Milito e Lucio, inutile la rete di Diamanti per il Bologna. Ultimo pareggio quello del 2010/2011: 0-0 alla prima giornata di campionato. Contando anche i precedenti in Coppa Italia, il Bologna è in vantaggio con 38 vittorie, 33 quelle dell’Inter e 15 pareggi, con 120 gol realizzati dai nerazzurri e 125 dai felsinei.

Il Bologna come detto arriva da due sconfitte consecutive: un doppio 0-1 maturato contro Fiorentina e Cagliari, senza mai dare l’impressione di essere in partita e poter ribaltare il risultato. L’inizio di campionato dei felsinei non è stato entusiasmante: forse pesa l’assenza di giocatori come Ramirez e Di Vaio che facevano la differenza, o forse il modulo con i 4 difensori va ancora assimilato, fatto sta che nelle prime otto giornate la squadra di Stefano Pioli ha messo insieme solo due vittorie e un pareggio, a fronte di cinque sconfitte. I punti conquistati al Dall’Ara sono 3: pareggio contro il Pescara e vittoria roboante (4-0) contro il Catania, mentre la sconfitta è arrivata contro il Milan. Sei gol realizzati, quattro subiti tra le mura amiche; a fare la parte del leone c’è Alberto Gilardino, mentre gli altri elementi offensivi del Bologna non sono ancora incisivi, a cominciare da Diamanti che sta forse tirando il fiato dopo una stagione a livelli di eccellenza chiusa con la partecipazione agli Europei. Oggi a fianco dell’ex attaccante di Parma, Milan e Fiorentina dovrebbe essere il turno di Manolo Gabbiadini: Pioli conta molto su di lui, per adesso il giocatore ha dimostrato poco ma il tecnico rossoblu sa di avere in mano un ottimo elemento. 

L’Inter attraversa un momento di forma straordinario. Giovedi sera contro il Partizan Belgrado è arrivata la sesta vittoria consecutiva, pur se in sofferenza; ma è proprio questo il punto, che la squadra di Stramaccioni sta studiando da grande squadra, ottenendo i tre punti anche quando soffre. Se ci limitiamo al campionato, il bilancio dei nerazzurri parla di sei vittorie e due sconfitte, e siamo ancora senza pareggi. Lontano da San Siro l’Inter è imbattuta e ha solo vinto: serie iniziata con il 3-0 di Pescara, poi il 2-0 sul campo del Torino, l’identico risultato del Bentegodi contro il Chievo e infine l’1-0 del derby, che per calendario si giocava in “casa” del Milan. Stramaccioni per ora si nasconde, ma sa di avere in mano una formazione competitiva, che forse è ancora qualche gradino sotto la Juventus (lo dimostrano le due sconfitte casalinghe contro Roma e Siena) ma che sta trovando la quadratura del cerchio e si candida per un posto nella prossima Champions League. Tutto ciò nonostante l’infortunio di Sneijder, che anzi ha forse dato una mano a livello tattico e ha contribuito all’esplosione di Coutinho, lui stesso però costretto a fermarsi ai box per una frattura da impatto alla caviglia rimediata giovedi sera. 

L’Inter gioca oggi per avvicinare Juventus e Napoli, o quantomeno per tenere il loro passo: i nerazzurri di fatto sono tra le candidate allo scudetto, e vogliono mantenere questo passo il più a lungo possibile. Il Bologna sa che nonostante la brillante stagione 2011/2012 il suo obiettivo rimane quello della salvezza; la squadra per centrare tranquillamente il traguardo c’è, ora sta ai giocatori elevare il proprio rendimento e staccare le altre contendenti. In ogni caso ci auguriamo di vedere una bella partita, che sia godibile dal punto di vista del gioco e ci regali tante emozioni. Scopriremo presto come andrà a finire, la parola passa al campo: Bologna-Inter sta per cominciare…

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori