CALCIOMERCATO/ Inter, Guarin rinasce e allontana i dubbi. Pinilla si avvicina?

- La Redazione

Fredy Guarin vuole una maglia da titolare contro la Juventus sabato sera. Stramaccioni è tentato dal tridente contro i bianconeri ma potrebbe anche presentare il colombiano.

mauricio_pinilla_cagliari_r400
Mauricio Pinilla (Infophoto)

E ora l’Inter ha davvero deciso di fare sul serio per quanto riguarda lo Scudetto. La squadra di Stramaccioni da ieri sera è la seconda forza del campionato con due punti di vantaggio sul Napoli. La vittoria contro la Sampdoria ha dato slancio alle convinzioni dell’Inter, e la striscia di otto vittorie consecutive (sei in campionato, due in Europa League) ha contribuito ad allontanare alcune voci di calciomercato in uscita, prima su tutte quella che riguardava Fredy Guarin. Il forte calciatore colombiano, classe ’86, prelevato dal Porto a gennaio, stava vivendo un periodo di calo nelle sue prestazioni, dopo che aveva iniziato alla grande la stagione e confermato le buone cose fatte vedere al termine dello scorso anno calcistico. Una preoccupazione per un calciatore pagato molto e sul quale in estate si era cercato di costruire il centrocampo. Ieri l’agente Fifa Dario Canovi, aveva tranquillizzato l’ambiente sulle qualità del giocatore (clicca QUI per l’intervista esclusiva) e ieri il colombiano ha deciso di mostrare il proprio talento. Partita importante per il centrocampista, che ha lottato bene in mezzo al campo migliorando anche in fase difensiva. La partita è stata condita nel finale con il gol del 3-1 con un destro potente che non ha lasciato scampo a Romero, un movimento che ha fatto rivedere tutte le qualità del calciatore sbarcato a Milano lo scorso mese di gennaio. Guarin è ora un’arma in più per Stramaccioni che ha sempre dichiarato di voler puntare su un calciatore di questo genere. Ora, in vista della difficile trasferta di Torino contro la Juventus, il tecnico dell’Inter ha un dubbio: schierare il centrocampo a cinque che tanto bene ha fatto contro la Sampdoria, oppure presentarsi al big match con il tridente Cassano-Milito-Palacio, una mossa che rappresenterebbe un segnale psicologico importante ma significherebbe anche la probabile esclusione di Guarin, che con i tre davanti potrebbe anche giocare ma sarebbe forse una scelta troppo offensiva. A dire la verità comunque l’ex Porto è stato fondamentale soprattutto in fase di copertura, dove ha dimostrato di saper recuperare molti palloni. L’Inter ha ritrovato il giocatore ammirato in Portogallo, ora spera che Guarin possa crescere ancora. Un giocatore con le sue caratteristiche fisiche e tecniche può solo fare bene all’Inter. I nerazzurri per gennaio cercheranno di puntellare la squadra soprattutto se il distacco dalla Juventus dovesse rimanere abbordabile. Si parla sempre del ritorno di Pinilla, che prevederebbe il sacrificio del giovane Livaja che andrebbe a maturare esperienza all’estero; è vero, da Cagliari arrivano attestati di stima per il forte calciatore cileno, ma i sardi hanno trovato un ottimo assetto offensivo con Nené, Thiago Ribeiro e Sau, Pulga e Lopez hanno vinto 4 partite su 4 mentre Pinilla era infortunato e di conseguenza a gennaio potrebbero anche venderlo.

Come detto si tratterebbe di un ritorno: Pinilla era stato portato in Italia proprio dall’Inter, ma in nerazzurro non aveva mai giocato, cominciando un giro del mondo che alla fine lo ha riportato nel nostro Paese con la maglia del Grosseto, dove è esploso segnando 24 reti. Sarebbe un ideale vice-Milito: per stessa ammissione di Stramaccioni, il Principe è l’unico che non abbia un giocatore con le sue caratteristiche a dargli fiato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori