ATALANTA-INTER/ Boninsegna: non sarà una partita facile, ma… (esclusiva)

- int. Roberto Boninsegna

ROBERTO BONINSEGNA, storico bomber interista, ci presenta il derby nerazzurro e lombardo Atalanta-Inter. Gli ospiti sono lanciatissimi, ma attenzione perchè la squadra di Colantuono sta bene

nagatomo_schelotto
Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto)

Questa Inter chi la ferma più? Il successo in Europa League per 3-1 sul campo del Partizan, dopo la vittoria contro la Juventus a Torino dimostra che la squadra nerazzurra ormai ha trovato un’identità precisa, sembra inattaccabile, quasi imbattibile come ai tempi di Josè Mourinho. Merito di Andrea Stramaccioni, che ha saputo plasmare l’Inter, conferirle autorità e convinzione nei suoi mezzi. Ora c’è questa trasferta di Bergamo, campo tradizionalmente difficile per le formazioni milanesi, in un derby lombardo carico di passione. Il derby con l’Atalanta sarà il posticipo della dodicesima giornata in programma alle 20,45 di oggi. Sul piano tecnico dovrebbe esserci differenza, l’Inter ha 27 punti, l’Atalanta 15, ma con 2 punti di penalizzazione. Ma la squadra bergamasca sta giocando bene in questo periodo e raccogliendo risultati importanti. Non sarà facile per la squadra allenata da Stramaccioni, si prevede un incontro molto combattuto. Per parlare di Atalanta-Inter abbiamo sentito Roberto Boninsegna. Eccolo in questa intervista esclusiva rilasciata a ilsussidiario.net.

Atalanta-Inter che partita sarà? Sulla carta il divario tecnico è veramente a favore dell’Inter, che in questo momento è notevolmente superiore.

Chi fermerà questa Inter? Dopo la vittoria con la Juventus, che sembrava imbattibile, è difficile pensare a qualcuno che possa fermare questa Inter. E’ sicuramente una formazione lanciata, convinta dei suoi mezzi, delle sue possibilità, capace di arrivare a qualsiasi traguardo.

E con un attacco esplosivo… E’ così, è un attacco che sta segnando a ripetizione. Palacio poi sembra avere qualcosa di speciale, ogni tiro che fa segna. Una cosa incredibile.

Stramaccioni è l’allenatore giusto per far tornare a vincere la squadra? Dopo le prime difficoltà è riuscito a dare un’identita all’Inter, a plasmarla a darle un gioco quasi irresistibile. Si l’Inter vince e gioca un buon calcio contemporaneamente.

Come a Belgrado col Partizan… A Belgrado l’Inter ha vinto, ha giocato bene, ma bisogna ringraziare anche Handanovic che ha fatto delle belle parate.

Chi farebbe giocare in difesa a Bergamo?

In effetti ci saranno diverse assenze, ma questo è un compito che spetta a Stramaccioni. E’ lui l’allenatore dell’Inter.

L’Atalanta però è una squadra in piena forma. Quali sono i suoi punti di forza? L’Atalanta sta attraversando un buon periodo, sta giocando bene, con la determinazione e lo spirito di una provinciale, certamente poi darà l’anima con l’Inter in questo che è quasi un derby, un derby lombardo. Non sarà una partita facile quella di Bergamo per l’Inter.

Sfida anche delle panchine? Credo che i due allenatori conoscano ormai fino in fondo i loro giocatori, le loro squadre; non ci sia niente da scoprire.

Il suo pronostico? Vedo una vittoria dell’Inter, lo dico da tifoso interista, ma anche da esperto di calcio. La squadra meneghina in questo momento sembra avere una marcia in più. E un successo a Bergamo varrebbe doppio, come in tutte le trasferte difficili del campionato italiano.

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori