DIRETTA/ Atalanta-Inter live (Serie A 2012/2013): la partita in temporeale

- La Redazione

Atalanta-Inter è il posticipo della dodicesima giornata di Serie A. I nerazzurri, dopo la vittoria contro la Juve, arrivano allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia per una sfida delicatissima 

obi_moralez_atalanta_interR400
Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto)

Atalanta-Inter è il posticipo della dodicesima giornata di Serie A. Partita attesa, paradossalmente, più dagli uomini di Antonio Conte che dagli altri attori in campionato. Nonostante giocare contro l’Atalanta a Bergamo non sia affatto facile, l’Inter parte con il favore dei pronostici e deve giocarsi tutte le sue carte per non perdere contatto dalla vetta dopo che i bianconeri hanno piazzato nella serata di ieri una super-vittoria in trasferta. L’Atalanta a quota quindici punti cercherà il colpaccio per scavalcare qualche squadra che la separa dalla zona che vale l’Europa League. Certamente non sarà una passeggiata, ma Colantuono e i suoi non sono certo tipi da darsi per vinti e rinunciare a giocarsela. Dal canto suo, come accennato, l’Inter dovrà vincere ad ogni costo per mettere in cascina i tre punti, fondamentali per continuare la rincorsa alla vetta: da ventisette a trenta punti per non perdere contatto con Conte e compagni. Naturalmente Atalanta-Inter potrebbe finire anche con un pareggio. In questo caso il segno X premierebbe certamente i padroni di casa, che potrebbero considerarlo senza sforzo di immaginazione un punto guadagnato, anche alla luce dei risultati che sono arrivati nel pomeriggio dagli altri campi. Non così si può dire per l’Inter, che vedrebbe sfumare due punti importantissimi per cercare di rimanere in scia della capolista, in attesa di un passo falso che però, vista la prestazione offerta ieri, sarà davvero difficile che gli uomini di Conte commettano. Stramcaccioni dal canto suo è chiamato a dimostrare solo una cosa: di esserci.

L’Atalanta si prepara ad ospitare l’Inter e a onorare una partita difficile senza lasciare però nulla di intentato. In casa l’Atalanta ha raccolto nove dei suoi quindici punti totali e non ha mai pareggiato. Tre vittorie e due sconfitte, infatti, su cinque partite disputate all’Atleti Azzurri d’Italia, con una differenza reti passiva (cinque gol fatti e sette gol subiti) che testimonia come le due sconfitte siano stati brutti scivoloni. Nella ultime cinque gare l’Atalanta ha raccolto sette punti, una media non malvagia che se migliorata potrebbe anche aprire a qualche traguardo importante al di là di una salvezza tranquilla per la squadra lombarda. Oggi Colantuono dovrà fare a meno di diversi giocatori, anche se l’ossatura della squadra è quella che abbiamo già visto in azione nelle ultime partite. Capelli, Ferreira Pinto, Scozzarella, Radovanovic e Bellini non potranno essere impiegati, ma questo non impedirà al tecnico romano di proporre una formazione competitiva. Se poi questo basti contro la super-Inter di Stramaccioni, Cassano, Palacio e Milito, beh, questo è tutto da vedere. La grinta, di sicuro, ce la metteranno tutta.

I nerazzurri arrivano a Bergamo ovviamente galvanizzati dalla brillante vittoria allo Juventus Stadium che ha portato carica ed euforia nello spogliatoio di Stramaccioni. La squadra dovrà però cavalcare l’entusiasmo senza abbassare la guardia e restare cinica per sperare di rimanere al passo con la formazione di Conte. Una vittoria contro l’Atalanta, infatti, significherebbe continuare a controllare la Juve a una sola lunghezza di distanza, nella speranza che prima o poi lo squadrone di Torino possa commettere un passo falso di cui approfittare. Come ha spiegato a IlSussidiario.net Roberto Boninsegna (clicca qui per l’intervista completa), “dopo la vittoria con la Juventus, che sembrava imbattibile, è difficile pensare a qualcuno che possa fermare questa Inter. E’ sicuramente una formazione lanciata, convinta dei suoi mezzi, delle sue possibilità, capace di arrivare a qualsiasi traguardo”. Proprio per questo, aggiunge l’ex attaccante, “vedo una vittoria dell’Inter, lo dico da tifoso interista, ma anche da esperto di calcio. La squadra meneghina in questo momento sembra avere una marcia in più. E un successo a Bergamo varrebbe doppio, come in tutte le trasferte difficili del campionato italiano”. Il ruolino esterno dell’Inter in questa stagione è immacolato: in sei trasferte di campionato i nerazzurri hanno raccolto 18 punti, con uno score di 14 reti segnate e solo due subite. Vedremo se sarà l’Atleti Azzurri d’Italia, campo storicamente difficile, ad imterrompere la striscia di successi. Stramaccioni dovrà fare a meno dei vari Ranocchia (out ancora per una settimana), Samuel e Mariga (ancora due settimane), Chivu  e Stankovic (un mese), Mudingayi (due), Bianchetti (10 giorni) e Wesley Sneijder, che con tutta probabilità rientrerà a disposizione per la prossima partita casalinga contro il Cagliari. I riflettori intanto si accendono allo stadio du Bergamo: Atalanta-Inter sta per iniziare. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori