CALCIOMERCATO/ Inter, Alvarez verso l’addio, piace il polacco Milik

- La Redazione

Ricky Alvarez potrebbe essere ceduto al termine della stagione in corso o durante il mercato di gennaio, per via dello scarso utilizzo. In arrivo, invece, il giovane Milik

alvarez_interR400
Ricky Alvarez, autore del cross del 2-2 (Infophoto)

La partita contro la Juventus di domani sera è un crocevia importante per la nuova Inter di Andrea Stramaccioni: una vittoria a Torino contro i campioni d’Italia imbattuti da 49 partite di campionato rappresenterebbe almeno due cose. La prima: uno straordinario risultato sportivo centrato proprio contro la rivale degli ultimi anni, quella che per svariate stagioni è stata la nemesi del popolo nerazzurro che ha dovuto aspettare Calciopoli per tornare a vincere. La seconda: la consapevolezza di giocarsi lo scudetto fino in fondo, anche e soprattutto a livello di classifica, visto che a quel punto ci sarebbe un solo punto a divedere le due squadre. E’ naturale poi che un’Inter che punti al tricolore dovrà necessariamente guardare con molta attenzione al calciomercato di gennaio, come abbiamo già spiegato in precedenza (clicca qui per approfondire). Questo però è vero in due sensi, non solo per le entrate: fare arrivare giocatori infatti significa aumentare le soluzioni a disposizione ma anche togliere spazio ad elementi che già adesso sono poco utilizzati, con il rischio di destabilizzare lo spogliatoio che, si sa, ha bisogno di rimanere unito per centrare i risultati. Ecco perchè Branca sta pensando di piazzare qualche calciatore in esubero: tra questi il numero uno sulla lista è sicuramente Ricky Alvarez. Non tanto per il suo scarso valore, quanto per il contrario, visto che un elemento delle sue qualità ha ancora parecchi estimatori all’estero, su tutte l’Arsenal di Wenger che ha sempre un occhio di riguardo per i giovani. La parabola di Alvarez ad Appiano Gentile è discendente, ma la colpa non è nemmeno tutta sua: arrivato con i crismi di nuovo Kakà, erano in molti a scommettere che il duello virtuale tra mancini argentini sarebbe stato appannaggio dell’ex giocatore del Velez Sarsfield piuttosto che di Erik Lamela, sbarcato alla Roma. La realtà dei fatti ha detto il contrario, ma come spesso accade bisogna anche considerare i contesti: El Coco, malgrado la stagione disgraziata della Roma, trovò in Luis Enrique che scommise su di lui e seppe aspettarlo nonostante un inizio a rilento, e i risultati si vedono adesso sotto la gestione Zeman. Alvarez invece ha pagato i continui cambi di allenatore: l’Inter ha iniziato la stagione con Gasperini, dopo cinque partite ufficiali è passata a Ranieri e nel finale di campionato è stata affidata a Stramaccioni. Difficile per un ragazzo di poco più di 20 anni alla prima esperienza in un campionato straniero lasciare un segno importante, soprattutto se ci si mettono anche gli infortuni; è questo quello che si pensa alla Pinetina, ma il punto è che nel frattempo Stramaccioni ha modellato la squadra con altri esterni e con trequartisti che sono Sneijder e Coutinho; per Alvarez non c’è spazio, ed ecco perchè potrebbe essere lui a liberare posti in rosa per eventuali nuovi acquisti. Il problema è la formula: 

Il prestito soddisferebbe i nerazzurri, forse meno le società straniere. Nella lista in entrata figura anche Arkadiusz Milik, 18enne polacco che milita nel Gornik Zabrze. Certo non sarà lui a risolvere la stagione dell’Inter, ma Stramaccioni lavora molto bene con i giovani e in lui potrebbe trovare un attaccante da lanciare anche solo in Europa League. Del resto non si tratta di un perfetto sconosciuto nel calcio europeo: su di lui ci sono già le attenzioni di Anderlecht, Aston Villa ed Everton.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori