CALCIOMERCATO/ Inter, il futuro di Samuele Longo: vice Milito o pedina di scambio?

- La Redazione

Samuele Longo, attaccante scuola Inter in prestito all’Espanyol, potrebbe rientrare anzitempo in Italia a gennaio: i nerazzurri valutano se tenerlo o inserirlo in altre operazioni

Longo_azione_R400
Longo (infophoto)

, AAA vice Milito cercasi. L’ultimo identikit a prendersi la ribalta è quello di Tommaso Rocchi, attaccante esperto di trentacinque anni della Lazio, in scadenza di contratto (clicca qui per saperne di più). La classica soluzione di usato sicuro, sopratutto a livello nazionale. Però i tifosi vogliono tutto e subito, e assieme al successo piace sempre di questi tempi un’altra merce rara, come la prospettiva. Necessaria in un’Inter che si sta gradualmente rifacendo il trucco, rinnovando (o smantellando) a poco a poco la vecchia guardia e facendo spazio a nuove leve. A tal proposito le ultime voci indicano come prossimo il ritorno di Samuele Longo dalla Spagna, dove è in prestito all’Espanyol in un remake dell’esperimento Coutinho. L’esperienza di Longo in Catalogna può considerarsi a due facce: ad un inizio promettente ha fatto seguito un finale di anno solare in ombra. Alla pausa natalizia Longo è fermo a 12 presenze e 3 gol nella Liga, bottino non disprezzabile considerando che si tratta della prima esperienza professionistica per lui, per di più all’estero dove non è sempre facile ambientarsi. Eppure sembra che l’Inter stia pensando di riportare il giovane attaccante a Milano. Stramaccioni conosce bene Longo per averlo allenato nella Primavera nerazzurra, e sicuramente sarebbe contento di riavere a disposizione un talento parzialmente sgrezzato. Il contratto di prestito di Longo scade a giugno ma l’Espanyol, attualmente terzultimo nella Liga, non dovrebbe opporre troppa resistenza qualora l’Inter decidesse di porre fine anzitempo all’accordo. Ma attenzione perché il rientro alla base non è l’unico scenario possibile per Samuele Longo. L’Inter potrebbe decidere di richiamarlo e girarlo in prestito ad una società di serie A, a patto che questa lo faccia giocare con continuità. Si è parlato del Catania, che però ha in Bergessio un elemento insostituibile. In questo senso Longo sarebbe perfetto come vice, ma forse l’Inter preferirebbe vederlo più responsabilizzato. Ecco perché forse, la soluzione migliore per tutti è quella del ritorno agli ordini di Stramaccioni. Anche se si vocifera che l’attaccante classe 1992 potrebbe…

…rientrare in altre trattative, come pedina di scambio con lo stesso Catania o con la Sampdoria per arrivare agli obiettivi recentemente ipotizzati (rispettivamente Francesco Lodi e Mauro Icardi). La vicenda Longo non deve però farci dimenticare Marko Livaja, che ha solo un anno in meno e deve riscattare il pesante errore di Inter-Genoa, costato di fatto due punti all’Inter. La logica suggerisce che se Longo dovesse rientrare stabilmente in prima squadra il croato sarebbe girato in prestito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori