CALCIOMERCATO/ Inter, Coutinho ancora in gol: prima pietra del futuro o carta vincente per Isla?

- La Redazione

In un campionato a lui più congeniale, Coutinho sta esprimendo tutto il proprio talento: in 9 partite con la maglia dell’Espanyol ha già segnato 4 reti. Si apre il discorso sul suo futuro…

coutinhoR400
Per Coutinho 19 presenze e 2 gol con la maglia nerazzurra (INFOPHOTO)

Ancora un gol per Philippe Coutinho. Con la maglia dell’Espanyol, il giovane brasiliano ha già totalizzato 4 marcature in 9 partite. Ma i gol sono la classica punta dell’iceberg: mister Pochettino sta infatti riuscendo a valorizzarne pienamente il talento, incanalandolo alla perfezione nelle dinamiche di una squadra sempre più sorprendente. A nove giornate dal termine, i cuginetti del Barcellona viaggiano in settima posizione, virtualmente salvi a 40 punti e senza porsi limiti precisi. La classica mina vagante, in cui Coutinho figura come una delle attrazioni principali. Osservazione doverosa, relativa al contesto: è chiaro che la Liga sia teatro più consono e permissivo alle caratteristiche del ragazzo. Che nel campionato spagnolo può godere di spazi più larghi, traffici meno urbani, marcature più svagate. E in una squadra come l’Espanyol, anche di pressioni molto meno asfissianti. Che Coutinho non sia ancora un campione lo legittima l’età (ricordiamolo, è solo un ’92), e lo conferma la prima esperienza in nerazzurro, che ne ha rivelato il comprensibile acne verso un campionato spietato come il nostro. Ma che si tratti di un talento dal sicuro avvenire è più che sicuro: per questo, l’Inter potrebbe essere davvero intenzionata ad affidargli le chiavi dell’attacco, a partire già dalla prossima stagione. Dopotutto, s’impara solo giocando. Anche ieri sera, il verdetto dello Juventus Stadium è stato chiaro: i nerazzurri necessitano di forze fresche. Qualcosa in questo senso è già stato fatto, come certificano i progressi di Obi e Poli (guarda caso, fuori loro nave a picco). Visti gli stenti di Pazzini, e preventivato l’addio di Forlan in estate, l’attacco andrà inevitabilmente aggiustato, e Coutinho potrebbe rappresentare una soluzione valida e soprattutto per un discorso a lungo termine. Potrebbe volerglici ancora ancora un pò di tempo per prendere le misure alla Serie A, ma forse il rientro alla base potrebbe temprarlo più del tuffo nel calderone dei prestiti (Udinese?). A meno che il fantasista di Rio non venga riciclato, come si vocifera già da un pò, come conguaglio tecnico a questo punto succulento, in altre operazioni di mercato. Sempre in ottica Udinese, il suo nome è stato avvicinato a quello di Mauricio Isla, centrocampista dichiaratamente apprezzato da Marco Branca, che ne ha recentemente tessuto le lodi. Per l’Inter è già tempo di scommettere: 

Su un diamante carioca allo stato grezzo, o sull’usato (ormai sicuro) cileno. A Branca (o chi per lui…) l’ardua sentenza, quel che è certo è che Coutinho rientrerà dal prestito con un bello zainetto d’esperienza in più sulle spalle. L’Espanyol ha già espresso la volontà di rinnovare l’accordo per la prossima stagione, ma il problema è che più il ragazzo fa bene adesso, più diminuiscono le possibilità di trattenerlo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori