CALCIOMERCATO/ Inter, Zarate via Twitter: Voci false, darò tutto per i nerazzurri fino alla fine

- La Redazione

Mauro Zarate è intervenuto via Twitter per smentire un articolo nel quale si riportavano alcune sue lamentele circa la situazione all’Inter: “Darò il massimo per questa maglia”.

mauro_zarate_inter_r400
Mauro Zarate (foto Infophoto)

E’ intervenuto di persona Mauro Zarate per smentire un articolo apparso nei giorni scorsi su Il Corriere dello Sport, che riportava una dichiarazione di suo fratello Sergio, tornato nei giorni scorsi ad essere il procuratore di Maurito dopo l'”interregno” dell’avvocato Bozzo. Secondo l’articolo Zarate, pur volendo aspettare le volontà dell’Inter, si diceva felicissimo di tornare alla Lazio e a Roma, una squadra e una città che continua ad amare e alla quale vorrebbe avere una seconda opportunità. Qualche ora fa però l’argentino ha voluto personalmente mettere a tacere queste insinuazioni, scrivendo sul suo profilo Twitter in un italiano stentato ma comunque perfettamente comprensibile: “Quelle non sono dichiarazioni mie, nè di nessuno del mio entourage. Io, in questo momento, sono dell’Inter”. E più sopra, visti i limiti imposti a 140 caratteri, continua: “E lascerò tutto in campo per questa squadra, che siano 20, 60 o 90 minuti darò il massimo, e poi alla fine vediamo cosa succederà. Si può ancora. Forza Inter”. Più chiaro di così, non è possibile: Zarate sa di essere in prestito, come sa anche che, fino a oggi, la sua avventura in nerazzurro non è andata come si aspettava. Impiegato inizialmente da Ranieri, l’argentino era anche riuscito a segnare un gol decisivo nella trasferta di Mosca; poi, progressivamente, il suo impiego è calato, fino a risolversi con panchine e tribune. L’ultima di Zarate, a sorpresa, è stata l’andata degli ottavi di Champions League contro il Marsiglia: una prova incolore, come incolore è stata tutta la squadra. Anche per questo sono uscite voci secondo le quali, per l’appunto, Maurito avrebbe cominciato a sentire nostalgia per la sua vecchia squadra, che lasciò per incomprensioni con Edi Reja. L’Inter, del resto, non sembra intenzionata a riscattarlo, ora come ora. Ma i tempi sono ancora prematuri e, soprattutto, l’approdo di Andrea Stramaccioni sulla panchina nerazzurra potrebbe cambiare molti scenari a proposito delle gerarchie nel reparto offensivo. Zarate potrebbe tornare improvvisamente in auge, e nelle nove partite che restano per concludere la stagione chissà, potrebbe anche esplodere e guadagnarsi la conferma a Milano. Intanto lui ha voluto mettere le cose in chiaro: è vero, gioco poco e ovviamente preferirei farlo un po’ di più, ma faccio parte di questa squadra e non abbandono la barca che sta affondando. Anzi, come appena detto lui è uno di quelli che maggiormente possono beneficiare dell’addio di Ranieri. Vedremo. 

A Roma comunque, con tutti i problemi avuti dai biancocelesti in termini di infortuni, sicuramente stanno pensando seriamente di riprenderlo per farlo restare: con lui sull’esterno, Klose avrebbe un uomo in più a passargli palla e la pericolosità in attacco ne guadagnerebbe. Scenari sicuramente interessanti, ma bisognerà aspettare giugno per capire come andrà a finire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori