CALCIOMERCATO/ Inter, il futuro di Zarate dipende dal Genoa (esclusiva)

- La Redazione

Il futuro in 90 minuti. Lo strano destino di Mauro Zarate. Gettato nella mischia da Stramaccioni per la sua prima da tecnico interista e pronto a giocarsi la riconferma in nerazzurro.

mauro_zarate_inter_r400
Mauro Zarate (foto Infophoto)

Il futuro in 90 minuti. Lo strano destino di Mauro Zarate, sinora oggetto misterioso del calciomercato dell’Inter e primo volto nuovo della gestione Stramaccioni. Per la prima dell’ex tecnico della primavera nerazzurra, l’argentino potrebbe guadagnare una maglia da titolare e magari giocarsi le sue chance per una permanenza all’ombra della madonnina impensabile sino a pochi giorni fa. Accostato a Genoa e Lazio a più riprese, il talento argentino potrebbe clamorosamente restare dov’è, ancorato alla maglia dell’Inter. Tutto questo ad una condizione: convincere lo scetticismo generale proveniente da ogni parte. Dal pubblico, sino ai vertici societari. L’unico a credere ancora in lui pare essere il nuovo tecnico interista, Andrea Stramaccioni, semplice traghettatore a meno di sorprese in queste ultime nove giornate. Serve un miracolo doppio per la conferma; un destino comune quello che unisce l’attaccante argentino ed il giovane tecnico fresco vincitore della Next Generation Series. Dalla loro fame e dalla loro voglia, proverà a rinascere l’Inter. La Champions è lontana e difficile da raggiungere, ma qualora dovesse venire agguantata con una rimonta ai limiti del fantascientifico anche le convinzioni basilari potrebbero essere riviste. Novanta minuti da giocare per guadagnarsi la riconferma, per riuscire in quello che non è stato possibile nei 6 mesi precedenti. La volontà di Mauro non è neanche tanto nascosta, restare all’Inter e farlo da protagonista è quello che desiderebbe più di ogni altra cosa. Per il futuro e per le voci c’è ancora tempo, come confermano fonti vicine al calciatore raccolte in esclusiva dalla redazione de IlSussidiario.net. C’è da aspettare, perché il talento non è mai stato messo in discussione; tutt’al più è la voglia e la capacità di sacrificarsi per il collettivo che continuano a latitare. Dopo mesi e mesi di panchine ed esclusioni però, qualcosa potrebbe essere davvero cambiato. Ci crede Stramaccioni, ci spera tutta l’Inter. Se i nerazzurri dovessero vincere domenica, magari trascinati da Zarate, potrebbero aprirsi nuovi spazi e nuove conferme, il riscatto non sarebbe più una chimera. Basterebbe tornare il giocatore che incantò l’Italia calcistica appena sbarcato a Formello, quello capace di mettere a referto cinque reti in quattro partite. Quello, per intenderci, che portò la Lazio a vincere la Coppa Italia e mettere in bacheca il primo trofeo della gestione Lotito.

In settimana sono arrivati gli apprezzamenti di Preziosi ed alcune aperture da Roma, ovviamente sponda Lazio per un ritorno in maglia biancoceleste reso ancor più credibile dal probabile addio di Edy Reja al termine della stagione. La maglia da titolare nella sfida contro il Genoa è però lo snodo cruciale del futuro di Maurito, ce lo assicura la nostra fonte. Novanta minuti, novanta minuti per una riconferma. Non serve molto, basta una prestazione Stra-ordinaria.  



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori