CALCIOMERCATO/ Inter, Mourinho: sono il primo tifoso dell’Inter, ritornerò ma non ora…

- La Redazione

Dopo due anni dall’addio di Mourinho in casa Inter è rimasto sempre vivo il ricordo dello Special One. Il portoghese è stato intervistato al Corriere della Sera e ha parlato del suo ritorno.

mourinhoR400
Il tecnico del Real Mourinho: la Liga è sua? (Infophoto)

Dopo due anni dall’addio di Mourinho in casa Inter è rimasto sempre vivo il ricordo dello Special One. I tifosi nerazzurri lo adorano e lo venerano, in ogni discorso c’è sempre qualcosa che riporta alla memoria le gesta dell’Inter di Mourinho che nella stagione 2009-2010 vinse Scudetto, Coppa Italia e soprattutto Champions League, coppa tanto sognata dall’Inter. Lo Special One adesso lavora a Madrid, sponda Real, nella scorsa stagione ha vinto solo la Coppa del Re, quest’anno, nel famoso secondo anno di Mourinho, è in testa alla Liga con sei punti di vantaggio sul Barcellona ed è praticamente in semifinale di Champions League. A Madrid si trova bene nonostante le critiche non manchino soprattutto da parte dei media: “Ci sono abituato, se dico bianco sbaglio, se dico nero idem, se parlo dopo il match vengo criticato e anche se non parlo”. Queste le parole dello Special One in un’intervista esclusiva rilasciata al Corriere della Sera. Mourinho ha diversi sogni nel cassetto che spera di esaudire in questa stagione: “Vorrei essere l’unico allenatore a vincere il titolo nei tre campionati più difficili al mondo, ovvero Inghilterra, Spagna e Italia. E poi cercare di vincere la Champions League con tre squadre differenti”. Si parla molto di Inter quando si fa il nome di Josè Mourinho, i tifosi nerazzurri e l’ambiente in generale non lo hanno mai dimenticato. Il presidente Moratti sogna il ritorno dello Special One, il diretto interessato non chiude la porta anzi: “Io sono il primo tifoso dell’Inter e tornerò ma non ora, ho ancora due anni di contratto nel Real Madrid e non ho mai detto di voler andare via”. Mourinho dunque rivela di voler tornare un giorno all’Inter. Eppure la stampa britannica e quella spagnola sono convinti che Mourinho possa andare al Manchester City per sostituire Roberto Mancini che rischia di essere esonerato a fine stagione qualora non riuscisse a vincere la Premier League con i Citizens. Ma Mourinho sembra concentrato sul futuro del Real Madrid. Ma nell’intervista Mourinho ricorda il rapporto con i giocatori e in particolare con Ibrahimovic: “Non ho mai avuto grandi litigate, con Ibra durò cinque minuti. Lui voleva andare al Barcellona e io dissi di restare all’Inter per vincere la Champions League. Ho avuto ragione io ma mi dispiace per lui perchè è un grande giocatore ed un’ottima persona”.

Non manca una frecciata per Balotelli, “nemico” ai tempi dell’Inter: “Ho visto tanti giovani talenti perdersi nel mondo del calcio”. Mourinho dunque riaccende i cuori dei tifosi dell’Inter che non vedono l’ora di poter riabbracciare il proprio condottiero…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori