CALCIOMERCATO/ Inter Milan, Balotelli dove finirà? “Prima ritrovi serenità”, dice Vincenzo Esposito

- La Redazione

Vincenzo Esposito ha rilasciato alcune dichiarazioni su Mario Balotelli, che ha allenato con la Primavera dell’Inter: “Se è sereno può giocare ovunque, bisogna parlare solo del campo”.

balotelli_r400
Foto: InfoPhoto

Il futuro di Mario Balotelli rimane incerto. Supermario viene accostato di giorno in giorno a Inter o Milan, a periodi alterni: prima si parla del suo ritorno in nerazzurro, vista la partenza da molti ritenuta troppo affrettata; poi si accenna al probabili approdo tra le fila dei rossoneri, suggestione nata da alcune dichiarazioni passate e dalla possibilità di giocare insieme – di nuovo – a Zlatan Ibrahimovic, il rapporto con il quale è sempre stato buono negli anni di Appiano Gentile. Prima, però, ci sarebbero da limare i suoi comportamenti non sempre all’altezza. Sulla questione è intervenuto anche Vincenzo Esposito, ovvero il suo primo allenatore ai tempi della Primavera dell’Inter. Esposito è convinto che prima di parlare di trattative di mercato, Balotelli debba sistemare i suoi problemi al di fuori del campo: “Prendiamo ad esempio Messi: di lui, si parla solo di quello che fa in campo. Di Mario invece si parla solo di altro: della sua macchina, della sua fidanzata… non vorrei che tutto questo talento vada sprecato”. Cosa possibile: non sarebbe il primo giocatore, e forse non sarà l’ultimo, a perdersi per i suoi comportamenti extracalcistici, che poi si riflettono anche durante le partite. Esposito continua, ai microfoni di Tuttomercatoweb: “Quando si parlerà di Balotelli solo per questioni tecniche e per le sue giocate, allora potremo dire di aver fatto dei passi avanti. Fino ad allora, è inutile parlare di Inter o Milan: se Mario è concentrato, se avrà solidità e linearità, potrà giocare ovunque”. Già, intanto continuano le illazioni sul suo futuro. Attualmente è un giocatore del Manchester City, e si è sempre detto che con Mancini in panchina il suo futuro sarebbe stato più o meno stabile. Oggi non sembra più essere così: i comportamenti di Balotelli hanno stancato anche l’allenatore che l’ha fortemente voluto dopo averlo allenato all’Inter, e per di più nemmeno Mancini è così stabile sulla panchina dei Citizens: se non vincerà la Premier League, cosa ben possibile visti i 5 punti di ritardo dal Manchester United, probabilmente lo sceicco Mansour interromperà il rapporto con il Mancio. E, a quel punto, Balotelli potrebbe davvero abbandonare l’Inghilterra. La voglia di tornare in Italia c’è, l’ipotesi Milan è affascinante: 

I rossoneri hanno già accolto tipetti non proprio con le stimmate del santo, si pensi a Ibrahimovic, Van Bommel o Cassano, sul quale c’erano tanti dubbi riguardo il suo comportamento sopra le righe e che invece si è messo totalmente a disposizione di Allegri. Con Balotelli potrebbe succedere la stessa cosa: ma è chiaro che certi suoi atteggiamenti extra calcistici dovranno necessariamente sparire. Aspettiamo comunque di vedere come si chiuderà la stagione, perchè Mario resta comunque un uomo da 13 gol in questa Premier League in corso e non sarà comunque facile liberarsene a cuor leggero.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori