CALCIOMERCATO/ Inter, Durante (ag. Fifa): Paulinho non è un fenomeno. Lucas? Meglio… (esclusiva)

Il noto agente Fifa Sabatino Durante, in esclusiva per IlSussidiario.net, analizza le situazioni riguardanti Lucas e Paulinho, autentici tormentoni del calciomercato nerazzurro.

18.07.2012 - int. Sabatino Durante
coutinho_duranteR400
Philippe Coutinho, attaccante Inter (Infophoto)

Dopo le scelte dolorose, il calciomercato dell’Inter si sta infiammando anche sul piano delle entrate. Nonostante le tanti voci e l’estenuante trattativa, Gaby Mudingayi è ad un passo dal vestire la casacca nerazzurra. La fumata bianca è prevista nel breve volgere di un paio di giorni, poi si tornerà nuovamente a parlare (come se si fosse mai smesso) dei brasiliani Lucas e Paulinho. I nomi dei talenti verde-oro occupano infatti le luci della ribalta da quasi un mese. Tra conferme, accelerate ed improvvise smentite sia per il centrocampista del Corinthias, sia per il talento del San Paolo l’ipotesi Inter resta di stretta attualità. Sarà per via di una colonia brasiliana ormai ridotta all’osso dopo gli addii di Lucio, Maicon e Julio Cesar (questi ultimi ancora da formalizzare ma abbastanza scontati), sarà che le indiscrezioni vorrebbero un Moratti follemente innamorato dei due giocatori brasiliani, sarà quel che sarà, ma non passa giorno in cui Lucas, Paulinho ed Inter non camminino a braccetto in sede di calciomercato. Per cercare conferme e seguire gli ultimi sviluppi delle operazioni sull’asse Milano-Brasile, abbiamo allora contattato, in esclusiva per IlSussidiario.net, Sabatino Durante, noto agente Fifa esperto di calcio sudamericano. “Paulinho è un buon giocatore, non un fenomeno, ma un discreto centrocampista. Se fosse un fenomeno quest’oggi sarebbe uno dei pilastri della nazionale brasiliana anche solo per il fatto di esser un giocatore del Corinthias. Potrebbe fare bene in questa nostra Serie A dismessa, però mi chiedo perché un giocatore come Paulinho dovrebbe venire in quest’Inter quando hai la possibilità di giocare nella società campione del Sud America con l’opportunità di disputare un campionato del mondo di club. L’unica ragione potrebbe essere quella economica, ma dubito che l’Inter sia nelle condizioni per fare un’offerta irrinunciabile al giocatore”. Sul discorso Lucas, l’agente si mostra ancora più duro. “Se l’Inter dovesse acquistare Lucas alle cifre che girano (30/35 milioni di euro, ndr) credo che sia io, sia i dirigenti dell’Inter dovrebbero cambiare mestiere. I nerazzurri potevano acquistare Lucas per una cifra vicina ai 300-400mila all’incirca tre anni fa. Oggi spendere quelle cifre per un giocatore che segna così poco mi sembra una follia, l’Inter era a conoscenza di un’irregolarità nel contratto che legava il giocatore al San Paolo”. C’è però un fenomeno brasiliano che Durante si sente di consigliare caldamente ai nerazzurri…

… ed è già in casa. “Il miglior giovane del Sud America al pari di Neymar si chiama Philippe Coutinho. Lo dico da ormai tre anni. Mi viene allora da chiedermi, se l’Inter non riesce a far giocare titolare Coutinho come può pensare di inserire Lucas”.

 

(Massimiliano de Cesare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori