CALCIOMERCATO/ Inter, Paulinho? Nessuna trattativa per il momento… (esclusiva)

Alle prese con un calciomercato rivoluzionario, l’Inter cerca di risolvere la grana portiere e valuta il futuro di Julio Cesar. Si guarda al Brasile. Il punto di Miele su Paulinho.

05.07.2012 - La Redazione
zanetti_stramaccioniR400
Stramaccioni verso la partita contro la Juventus (Foto: Infophoto)

Alle prese con un calciomercato rivoluzionario, l’Inter cerca di risolvere la grana portiere e, dopo aver praticamente concluso il colpo Handanovic, sfoglia la margherita ragionando sul futuro di Julio Cesar. La cessione del portiere brasiliano è tutt’altro che impensabile, soprattutto considerando il progetto di riduzione dei costi messo in atto dal presidente Moratti ed avvallato dalle mani di Ausilio e Branca. Si risparmia sugli ingaggi e si reinveste su cartellini di giocatori giovani e promettenti, ma che rientrino nell’ottica del nuovo salary cap. La scelta di Stramaccioni, tecnico proveniente dalle giovanili e capace di plasmare la promettentissima primavera nerazzurra, è in questo senso la prova provata della volontà di puntare sui giovani. Quello nerazzurro sarà un progetto di ampio raggio che punterà ad ottenere risultati nell’immediato, ma con la consapevolezza che sarà difficile e che occorrerà anche pazienza. Branca ha sin qui chiuso le porte ad un investimento importante in questa sessione di calciomercato, sostenendo che sarà difficile mettere a segno un’operazione da 20 milioni di euro, tutto questo escludendo la possibilità di altre clamorose cessioni. Non tanto quella di Maicon, già messa in preventivo e comunque poco fruttuosa (siamo sotto ai 10 milioni di euro), quanto quella, al momento difficile, di Sneijder. Con una cessione dell’olandese, nelle casse di Corso Vittorio Emanuele arriverebbe nuova liquidità da reinvestire. Soldi che verrebbero subito girati in Brasile, dove Moratti ha già trovato le sue nuove passioni calcistiche. La prima pista porta all’inflazionato Lucas Moura, talento del San Paolo, classe 1992. Contestato dal pubblico di fede paulista, ma comunque difficilmente acquistabile, soprattutto considerando il mondiale del 2014, che si giocherà proprio in casa della Seleçao. La conferma di queste difficoltà nell’operare con i club verdeoro in questo periodo storico arriva dall’agente Fifa, Mario Miele che in esclusiva per IlSussidiario.net ha sottolineato la volontà di diversi giocatori di provare a giocarsi le sue chance in patria (clicca qui per leggere). Il secondo nome sarebbe invece quello di José Paulo Bezerra Maciel Jùnior, in arte Paulinho. Giocatore di grande estro, in forza al Corinthias fresco vincitore della Coppa Libertadores, che per caratteristiche sarebbe più un vice-Sneijder che una seconda punta. Su questa possibilità però, lo stesso Miele, non pare molto possibilista.

Paulinho-Inter? Al momento non mi risulta nulla. Non ci sono trattative in corso”. Sul centrocampista offensivo si era vociferato di un interesse della Roma e del Genoa, tuttavia tanto i giallorossi quanto la società del grifone sembrano essersi ritirate dalla corsa. La pista resta dunque sgombra anche se, nonostante tutto, gli 8 milioni richiesti per il cartellino del giocatore non sembrano essere un serio ostacolo ad una trattativa che potrebbe ancora decollare.

 

(Massimiliano de Cesare)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori