DIRETTA/ Pescara-Inter live (serie A 2012/2013): la partita in temporeale

- La Redazione

L’Inter di Andrea Stramaccioni inizia la sua stagione in campionato facendo visita al Pescara, che torna in serie A dopo 19 anni ma ha perso Zeman oltre a Insigne, Immobile e Verratti.

Guarin_e_Stramaccioni
Andrea Stramaccioni, allenatore Inter (Foto Infophoto)

Pescara-Inter è la partita di serie A in programma questa sera allo stadio Adriatico di Pescara (ore 20:45). Si tratta di un match molto atteso da entrambe le tifoserie,e che entrambe le squadre tengono a vincere. Il Pescara vuole onorare il ritorno nella massima serie dopo diciannove anni: una vittoria contro l’Inter darebbe subito grande entusiasmo a una piazza che sa perfettamente che il campionato imminente sarà una lunga corsa verso la salvezza. Per contro, l’Inter di Stramaccioni, che dopo il semi-disastro dello scorso anno ha effettuato una campagna acquisti conforme a quelle che erano le necessità tecniche e ora si appresta a tornare a lottare per lo scudetto. Sembra una gara dall’esito scontato, ma attenzione alla voglia abruzzese di centrare il risultato storico. Una cosa è certa: essendo al 26 agosto, è probabile che non vedremo una partita intensissima, pur se potremo già trarre delle indicazioni interessanti circa le ambizioni delle due squadre e lo stato di forma.

Il Pescara, come detto, vive un momento di esaltazione: questa sera l’Adriatico tornerà ad ospitare una partita di serie A dall’ultima della stagione 1992/1993. Che fu storica: un 5-1 inflitto alla Juventus, pur se la squadra era già ampiamente retrocessa. La cavalcata dello scorso anno è stata fantastica: con Zeman in panchina, gli abruzzesi hanno giocato un campionato strepitoso, vincendolo davanti al Torino e mettendo in mostra un grande calcio grazie ad alcuni interpreti di assoluto splendore, su tutti Lorenzo Insigne, Ciro Immobile (capocannoniere del torneo) e Marco Verratti. Tre uomini che non ci sono più: il presidente Sebastiani ha anche dovuto rinunciare a Zeman, che inizialmente sarebbe dovuto rimanere in biancazzurro ma poi non ha potuto resistere alle lusinghe della Roma. Così, è stato chiamato Giovanni Stroppa, che ha un modo di sistemare la squadra sul campo molto simile a quello del boemo: sempre 4-3-3 infatti, il che permetterà al nuovo allenatore di non stravolgere troppo l’identità del Delfino, considerato anche che molti elementi sono rimasti in squadra. Gli acquisti sembrano essere di spessore: Weiss è il gioiello arrivato dal calciomercato, ma poi ci sono anche Colucci, Abbruscato e Jonathas. La difesa, invece, è sempre la stessa. E’ chiaro che il Pescara punterà alla salvezza, ma in città si vogliono comunque divertire, perchè l’ultima stagione li ha abituati bene.

L’Inter riparte dopo la peggiore stagione degli ultimi sei anni. I nerazzurri avevano cominciato con Gasperini in panchina; dopo l’esonero immediato, via con Ranieri, che ha risollevato la squadra ma poi è crollato nel girone di ritorno, schiacciato dal peso di uno spogliatoio insoddisfatto e senza più la fame dei giorni migliori. Così, Moratti ha chiamato il giovanissimo Stramaccioni, che solo il giorno prima aveva vinto la Next-Gen Cupcon la Primavera della Beneamata. Sembrava una scelta dettata dall’istinto: del romano Stramaccioni si diceva che sarebbe durato qualche mese, non di più. Non è stato così: il tecnico ha convinto tutti fin dalle prime uscite, ha vinto il derby e soprattutto è riuscito a farsi seguire e apprezzare dai senatori, ricordando in questo un certo José Mourinho. Anche sul mercato, Stramaccioni ha dimostrato di avere le idee chiare: ha chiesto giocatori funzionali alla sua idea, ovvero un modulo ad albero di Natale che possa divenire, all’occorrenza, un 4-3-1-2 o un 4-2-3-1. Sono arrivati Handanovic e Silvestre per rafforzare la difesa, Mudingayi e Gargano per dare muscoli al centrocampo, Palacio e Cassano per la fantasia in avanti. Certo, alcune operazioni non sono state condotte benissimo (Julio Cesar, Pazzini, Maicon), ma ci sono le basi per essere ottimisti riguardo al fatto che questa possa davvero essere la stagione del riscatto. Se basterà per dare fastidio alla Juventus in ottica scudetto si vedrà, ma intanto le prime uscite hanno convinto. C’è anche l’Europa League: Stramaccioni ci punta molto.

Una neopromossa che torna in A dopo un ventennio, una grande che si vuole rialzare dopo un periodo difficile: questa è Pescara-Inter. Vedremo come le due squadre si presenteranno alla nuova stagione; naturalmente, la speranza è che possiamo assistere a una bella partita. La parola passa al campo: Pescara-Inter sta per cominciare, segui e commenta la diretta della partita sul nostro sito.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori