PROBABILI FORMAZIONI/ Inter-Rubin Kazan: notizie alla vigilia (Europa League Gruppo H)

- La Redazione

Le probabili formazioni alla vigilia di Inter-Rubin Kazan, partita valida per il girone H dell’Europa League 2012-2013: Stramaccioni pensa a Sneijder dietro a Cassano e Milito

zanetti_rubin_kazanR400
Javier Zanetti, 39 anni, esulta durante l'ultimo precedente tra Inter e Rubin Kazan (INFOPHOTO)

Domani sera inizia il cammino dell’Inter verso la finale di Amsterdam, ultimo atto dell’Europa League 2012-2013. I nerazzurri ospiteranno i russi del Rubin Kazan, nella prima partita valida per il girone H (calcio d’inizio a San Siro alle ore 20.45). Le due squadre si sono già incontrate nella stagione 2009-2010, quella del triplete nerazzurro. Il doppio confronto nel girone di Champions League registrò un pareggio per 1-1 nella partita di andata, coi gol di Dominguez e Stankovic e l’espulsione di Balotelli, mentre al ritorno l’Inter si impose per 2-0 (reti di Et’o’o e dello stesso Balotelli) sigillando la qualificazione agli ottavi. Un precedente beneaugurante per l’Inter che si augura che il cammino di quest’anno possa ripercorrere quello di tre stagioni or sono. L’Inter inoltre spera di sbloccare il suo ruolino casalingo, che per adesso la vede ferma a due a un pareggio e due sconfitte tra campionato ed Europa League. C’è peraltro un ex giocatore in comune tra Inter e Rubin Kazan: si tratta del nigeriano Obafemi Martins, sbocciato nel settore giovanile nerazzurro e poi passato anche dalla Russia (12 presenze e 2 gol nel 2010). L’arbitro della partita sarà il tedesco Aytekin. Vediamo quali sono le probabili formazioni di Inter-Rubin Kazan

Stramaccioni sembra intenzionato a proporre uno schieramento offensivo, con Sneijder dietro due attaccanti. In porta naturalmente Samir Handanovic, appena rientrato dopo l’infortunio che gli ha fatto saltare le prime partite stagionali. In difesa l’allenatore nerazzurro dovrebbe cambiare la coppia centrale, rilanciando Walter Samuel e soprattutto Matias Silvestre e facendo riposare Ranocchia e Juan Jesus che probabilmente torneranno titolari in campionato. I terzini saranno Jonathan a destra e Nagatomo, in procinto di rinnovo contrattuale al 2017, a sinistra. A centrocampo Zanetti e Cambiasso affiancheranno Guarin, mentre oltre Sneijder giocheranno con ogni probabilità Cassano e Milito. Questa dovrebbe essere la formazione ma le varianti sono dietro l’angolo. Stramaccioni potrebbe ad esempio escludere Jonathan arretrando Zanetti in difesa ed inserendo Pereira nel trio centrale. Il terzino brasiliano mantiene in ogni caso buone possibilità di giocare anche perchè ha giocato solo quarantacinque minuti contro il Torino, nell’ultima di campionato.

I russi dovrebbero rispondere con il 4-4-2. Davanti al portiere Ryzhikov giocheranno i difensori  Kuzmin (destra), Cesar Navas (sinistra), Bocchetti e Ivan Marcano. A centrocampo dovrebbero agire l’israeliano Natkho e Kasaev sulle fasce e Ryazantsev e l’ex Udinese Roman Eremenko in mezzo. La coppia d’attacco dovrebbe essere formata da Vladimir Dyadun e Salomon Rondon, il bomber acquistato dal Malaga.

 

Inter (4-3-1-2): Handanovic; Jonathan, Silvestre, Samuel, Nagatomo; Zanetti, Guarin, Cambiasso; Sneijder; Cassano, Milito.

Rubin Kazan (4-4-2): Ryzhinov; Kuzmin, Marcano, Bocchetti, C.Navas; Natkho, Eremenko jr, Ryazantsev, Kasaev; Dyadun, Rondon. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori