Calciomercato Inter/ Lennon, idea prestito a gennaio

- La Redazione

Aaron Lennon in prestito a gennaio dal Tottenham all’Inter: un vecchio pallino dei nerazzurri torna in auge per gennaio, ecco perché l’affare è possibile, complice l’esplosione di Townsend

lennon_interR400
Aaron Lennon, esterno del Tottenham (Foto Infophoto)

Possibile ritorno di fiamma tra l’Inter e l’esterno inglese Aaron Lennon, 26enne del Tottenham. Lennon era già stato più di una volta un obiettivo di calciomercato dei nerazzurri, ad esempio nell’estate 2012, ma questa volta la trattativa sembra essere più fattibile rispetto alle precedenti, quando per portarlo a Milano sarebbe servito un grosso sforzo economico. A gennaio invece la situazione potrebbe essere differente: si parla infatti di una possibile cessione in prestito da parte del Tottenham nella sessione invernale delle trattative. Il motivo è presto detto: Lennon è rientrato nel gruppo degli Spurs solo da qualche giorno, dopo l’infortunio rimediato nella prima giornata che lo aveva tenuto fuori dai giochi per diverse settimane, ed è attualmente una seconda scelta per l’allenatore portoghese André Villas-Boas, che gli preferisce l’uomo copertina del momento in Premier League, cioè Andros Townsend, che si è già conquistato l’etichetta di erede di Gareth Bale. Ecco dunque che i nerazzurri potrebbero tornare a pensare a Lennon: la squadra di Walter Mazzarri ha certamente bisogno di qualche innesto sulle fasce, perché la crescita di giocatori come Jonathan non può bastare per considerare all’altezza il reparto di esterni nerazzurri, specie considerando il ruolo fondamentale che ricoprono nel gioco del tecnico livornese. Il prestito potrebbe essere una soluzione che soddisfa tutte le parti, a partire dallo stesso giocatore che ha bisogno di giocare se vuole avere chance di essere preso in considerazione dal c.t. Roy Hodgson per il Mondiale. In estate poi si prenderebbe la decisione definitiva sul futuro del giocatore. Vedremo a gennaio se questa ipotesi potrà davvero concretizzarsi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori