Caso Campagnaro-Sabella/ Ct Argentina attacca l’Inter, la società risponde con un comunicato

- La Redazione

L’allenatore della nazionale argentina, Alejandro Sabella, ha espresso la sua sorpresa per il mancato impiego di Hugo Campagnaro nell’Inter: la società nerazzurra ha risposto

campagnaro_trentino
Hugo Campagnaro, 33 anni, difensore argentino dell'Inter (INFOPHOTO)

Il commissario tecnico dell’Argentina, Alejandro Sabella, ha parlato di Hugo Campagnaro rispondendo alle domande dei giornalisti locali: “Ho parlato al telefono con Campagnaro lunedì scorso e mi ha detto che aveva recuperato dall’infortunio e che gli mancava solo il ritmo partita. E mi ha detto che non giocava solo per scelta dell’allenatore. Dopo Campagnaro ha parlato con il professor Pablo Blanco e ha ribadito lo stesso concetto“. L’allenatore della Seleccion lamenta lo scarso impiego del difensore, che dovrà rispondere alla prossima convocazione della sua nazionale con pochi minuti nelle gambe. L’Inter però ha risposto con un comunicato sul proprio sito ufficiale. Nel quale la società ribadisce che il giocatore non viene utilizzato in campo per ragioni esclusivamente di indisponibilità fisica. Viene ricordato come Campagnaro si sia infortunato prima di Cagliari-Inter dello scorso 29 settembre, accusando un risentimento muscolare al polpaccio sinistro nei giorni precedenti al match di Trieste. Successivamente l’argentino ha risentito di una fascite plantare al piede destro, che gli ha impedito di prendere parte ad Inter-Roma del 5 ottobre scorso. Ha poi invece risposto alle recenti convocazioni con la nazionale albieceleste, per le partite contro Perù ed Uruguay, disputando la seconda. Dopo il rientro in Italia un altro stop: lesione al retto femorale della coscia destra, niente Torino-Inter del 20 ottobre e recupero ancora in corso. Visto l’affiatamento che lo lega a mister Mazzarri è difficile pensare ad una esclusione per scelta tecnica; Sabella tuttavia ha pizzicato la società nerazzurra che ha espresso la sua sorpresa per le dichiarazioni di cui sopra.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori