CALCIOMERCATO/ Inter, Bardi-Handanovic: futuro già scritto? Le notizie al 9 novembre

- La Redazione

Aumenta il numero di squadre interessate a Bardi, giovane portiere dell’Inter, in forza al Livorno e nazionale Under-21. Dopo il Barcellona anche il Manchester City bussa ai nerazzurri

bardi_immobile
Infophoto

Nessuna preoccupazione sul futuro di Kovacic e su un’eventuale partenza a gennaio: l’agente Fifa Pomponio, interpellato dalla nostra redazione, è convinto che Thohir blinderà la stella dell’est e nel contempo punterà su altri ragazzi di qualità.

Aumentano le società che si sono messe sulle tracce di Francesco Bardi, estremo difensore del Livorno e dell’Under 21, di proprietà dell’Inter. Dopo il Barcellona stando a quanto raccontano le ultime indiscrezioni, anche il Manchester City di Pellegrini avrebbe chiesto informazioni sul giovane portiere classe 1992. Gli osservatori dei Citizens hanno visionato spesso e volentieri il talentuoso estremo difensore all’Armando Picchi, e le relazioni stilate dagli uomini di mercato inglesi sono state più che positive. Il club di Manchester ha quindi tentato un approccio diretto, contattando il dt Branca e il direttore sportivo Piero Ausilio per capire se vi erano le possibilità di un acquisto e la risposta è stata un “no secco”. Questo fa capire quanto l’Inter creda in Bardi ma nel contempo anche eventuali risvolti futuri riguardanti Samir Handanovic. Non va infatti dimenticato che il nazionale sloveno ex Udinese continua ad essere nel mirino di grandi club, a cominciare dal Barcellona, e un’eventuale offerta concreta di almeno 20 milioni di euro da parte dei blaugrana, spingerebbe corso Vittorio Emanuele a cedere il portiere dell’est per “promuovere” definitivamente il giovane Bardi.

E questa sera Bardi sarà uno dei molti osservati speciali in casa Inter in vista della sfida contro il Livorno in programma allo stadio San Siro alle ore 20.45. Oltre al giovane portiere nel mirino anche i baby Mbaye, Benassi e Duncan, altri due giovani di proprietà dei nerazzurri, girati in prestito al club di Spinelli. Tre talenti che rispecchiano in pieno il nuovo diktat della proprietà, quello stilato da Erick Thohir, che intende costruire una squadra costituita in particolare da giovani di qualità, meglio ancora se provenienti dal vivaio e quindi a basso costo. La speranza dell’Inter, naturalmente, è che questa sera i 4 “ragazzotti” in questione, si rendano protagonista di una buona prova ma non al punto da far vincere la propria squadra…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori