Calciomercato Inter/ Amatucci (ag. FIFA): Lavezzi, ipotesi prestito. A centrocampo duello… (esclusiva)

- int. Roberto Amatucci

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Roberto Amatucci ha parlato del calciomercato dell’Inter e in particolare del possibile arrivo di Lavezzi che ha già lavorato con Mazzarri.

lavezzi_11
Ezequiel Lavezzi (Infophoto)

L’Inter a gennaio vuole rinforzare assolutamente la squadra di Mazzarri. Solo che con l’arrivo di Thohir la mentalità del club nerazzurro è cambiata, niente grandi colpi ma soprattutto giovani talenti del calcio mondiale. A gennaio bisognerà capire bene cosa vorrà fare l’Inter, di certo a Mazzarri servirebbe almeno un attaccante visto che i nerazzurri potrebbero cedere un giovane e nel mirino c’è Belfodil che piace a diversi club. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Roberto Amatucci ha parlato del calciomercato dell’Inter.

L’Inter a gennaio dovrà cercare di accontentare Mazzarri. Ce la farà? Io credo che con Thohir non ci saranno spese folli su giocatori che hanno superato i 27-28 anni d’età. Thohir vorrà giovani talenti che devono ancora dimostrare tutto il loro potenziale.

In attacco potrebbe cambiare qualcosa? Credo che l’Inter potrebbe cedere Belfodil che piace molto a Genoa e Sassuolo. Non credo alla possibilità dell’arrivo di Dzeko o Osvaldo.

Si parla anche di Lavezzi… Qui il discorso è un altro, a Mazzarri ovviamente piace tanto, ha già lavorato assieme. E poi potrebbe arrivare in prestito.

A centrocampo su chi punteranno i nerazzurri? Ci sono due nomi caldi, il primo è quello di Nainggolan, prima scelta, il secondo è Kucka. Più facile arrivare al secondo è vero, ma Mazzarri vuole il primo.

Ci sarebbe qualcosa da fare anche qualcosa sulle fasce laterali non crede? Potrebbe esserci il colpo dall’Udinese visto che è molto calda la pista Gabriel Silva. Piace a Mazzarri.

Thohir continuerà con Mazzarri? 

Assolutamente sì, Mazzarri punta anche sui giovani, soprattutto su quelli bravi, ricordiamoci di Cavani e Lavezzi come erano agli inizi e come sono ora.

 

(Claudio Ruggieri)





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori