Calciomercato Inter/ Petrosino (ag. FIFA): l’erede di Milito? C’è, ma non è Icardi. E a sinistra… (esclusiva)

- int. Claudio Petrosino

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Claudio Petrosino ha parlato del calciomercato dell’Inter e in particolare del possibile arrivo di un vice Milito per il futuro.

lavezzi_11
Ezequiel Lavezzi (Infophoto)

L’Inter ha messo nel mirino alcuni giocatori a gennaio per aumentare la forza della squadra di Mazzarri. Tra i giocatori citati c’è quello di Lavezzi, attaccante argentino ex Napoli che conosce perfettamente l’attuale giocatore del Psg. Ma l’Inter è in cerca di giovani talenti per il futuro e nel mirino ci sono anche eredi di Milito. Thohir infatti vorrebbe assolutamente puntare su giovani talenti del calcio mondiale. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Claudio Petrosino ha parlato del calciomercato dell’Inter.

L’Inter ha messo nel mirino Lavezzi. Può andare in porto l’affare? Non so se per gennaio o giugno, ma se anche Mazzarri si è esposto così tanto allora qualcosa c’è sotto. 

I nerazzurri dovranno trovare un erede di Milito. Su chi dovrebbero puntare? Io credo che l’Inter dovrebbe puntare su un giovane talento argentino, si chiama Guido Carrillo, attaccante dell’Estudiantes, classe ’91. Ha le movenze di Milito. Ma ci sarebbe un altro giocatore.

Chi sarebbe? Federico Falcone, definito da tutti un giovane Cavani. Gioca in Cile, è un calciatore del ’90, potrebbe davvero fare bene in Italia.

A sinistra servirebbe uno al posto di Pereira. Ci sono giovani talenti? Un difensore che potrebbe andare bene è Lucas Morales, classe ’94, giocatore del Defensor Sporting. Sarebbe perfetto per i nerazzurri. Ma occhio a un altro terribile ’94.

Di chi si tratta? Lucas Olaza, un altro giocatore di talento, un altro terzino sinistro di qualità che però sembra vicino a importanti club spagnoli.

Mazzarri però non sembra voler puntare molto sui giovani non crede? 

Non lo ha mai fatto però dovrebbe capire che oggi nel calcio moderno c’è bisogno di giovani talenti in prima squadra.

 

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori