Calciomercato Inter/ Calandra (ag. FIFA): Lavezzi-Palacio, che coppia! Pereira, decide la società (esclusiva)

- int. Giuseppe Calandra

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Giuseppe Calandra ha parlato del calciomercato dell’Inter e in particolare del possibile arrivo di Lavezzi dal Psg.

lavezzi_11
Ezequiel Lavezzi (Infophoto)

Ezequiel Lavezzi decide di non chiudere le porte in faccia all’Inter e infatti dichiara che nel calcio tutto può succedere. Classica frase di chi non vuole chiudere le porte a nulla, anche perché lui nel Psg gioca poco e Mazzarri sarebbe ben lieto di accoglierlo a Milano come acquisto per rinforzare l’attacco. Nel mirino dell’Inter ci sono anche altri giocatori, per esempio un laterale sinistro che potrebbe prendere il posto di Pereira. In esclusiva per IlSussidiario.net, Giuseppe Calandra, agente fifa, ha parlato del calciomercato dell’Inter.

Lavezzi non ha chiuso le porte all’Inter. Come mai? Sa perfettamente che nel calcio tutto può succedere, per questo non chiude le porte. E poi conosce bene Mazzarri.

All’Inter non servirebbe una punta più fisica? Non credo, anche perché Palacio come prima punta sta facendo davvero bene.

Lavezzi-Palacio, non male come coppia d’attacco vero? Assolutamente no, sarebbe una coppia d’attacco incredibile e soprattutto letale per i difensori avversari. Due giocatori molto rapidi e tecnici.

Belfodil potrebbe andare via? Dipenderà molto dalla società, dovrà capire se il ragazzo potrà crescere anche giocando poco o sarebbe più conveniente una scelta diversa ovvero quella di mandarlo in prestito.

Lei che farebbe? In questi casi bisognerebbe cercare sempre di aiutare il ragazzo facendolo giocare maggiormente, forse sarebbe meglio un approdo in qualche società.

Il Cska Mosca punta Pereira ma non arriveranno gli 11 milioni di euro spesi dai nerazzurri… 

Queste sono decisioni che spettano alla società, Pereira non sembra essere adatto a Mazzarri e l’Inter potrebbe decidere di cederlo accettando un’offerta più bassa.

 

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori