PROBABILI FORMAZIONI/ Inter-Milan, notizie alla vigilia (26esima giornata Serie A)

- La Redazione

Il derby di Milano, la sfida dello stadio San Siro delle ore 20.45, chiuderà questa domenica calcistica relativa alla 26esima giornata di Serie A: sfida dai molti significati…

stramaccioni_calma
Andrea Stramaccioni, ex allenatore Inter (Infophoto)

Il super derby di Milano chiuderà la domenica della 26esima giornata di Serie A. Alle ore 20.45 in quel dello stadio San Siro, si affronteranno le due società milanesi Inter e Milan. Due squadre che arrivano al grande appuntamento dopo il doppio successo in Coppa. I nerazzurri hanno superato giovedì sera in Romania il Cluj, con il rotondo risultato di 3 a 0 in loro favore. Decisamente più galvanizzante è però la straordinaria vittoria dei rossoneri che mercoledì sera al Meazza hanno battuto gli invincibili del Barcellona con il risultato di due a zero e subendo pochissimo. Due squadre appaiate in classifica, 44 il Milan e 43 l’Inter, che cercheranno i tre punti per raggiungere l’obiettivo Champions League, che rimane il traguardo maggiormente alla portata di mano di entrambe.
– In casa Inter (quarta formazione italiana per possesso palla), Andrea Stramaccioni dovrà fare i conti con diverse pesanti assenze difensive. Nella giornata di ieri è arrivato il primo verdetto sulle condizioni fisiche di Andrea Ranocchia. Si tratta di distorsione al ginocchio con interessamento ai legamenti e a meno di miracoli il centrale nerazzurro non sarà in campo domani sera. Assenti anche Samuel e Silvestre. “Strama” potrebbe puntare su un 4-3-1-2 con Handanovic in porta, difesa con Zanetti e Nagatomo sulle due corsie mentre al centro toccherà a Juan Jesus e a Chivu. Il rumeno non è però al 100%, come ha ammesso lo stesso allenatore, e non è da escludere che alla fine possa giocare Cambiasso (secondo assistman della compagine meneghina con 5 passaggi vincenti da agosto ad oggi). Il Chucu resta per ora a centrocampo supportato da Kuzmanovic e Gargano. Infine l’attacco, con Fredy Guarin sulla trequarti alle spalle di Palacio e Cassano (grande ex dell’incontro nonché secondo goleador nerazzurri con 7 gol). In panchina si siederanno Belec, Carrizo, Silvestre, Mbaye, Jonathan, Stankovic, Kovacic, Benassi, Alvarez, Rocchi. Assente Pereira per squalifica nonché gli infortunati Castellazzi, Mudingayi, Samuel, Milito, Silvestre e Obi.
– Molti meno problemi rispetto all’Inter per l’allenatore del Milan (prima formazione in Serie A per possesso palla), Massimiliano Allegri. Il tecnico rossonero avrà infatti a disposizione quasi tutti gli effettivi ad eccezione di Bonera, De Jong e Amelia. E’ ipotizzabile un 4-3-3 leggermente diverso rispetto a quello sceso in campo mercoledì sera contro il Barcellona. Spazio quindi ad Abbiati in porta, sulla destra torna De Sciglio con Constant a sinistra. Centrali di difesa saranno invece Zapata e Mexes. A centrocampo, Montolivo in cabina di regia spalleggiato da Sulley Muntari e da Kevin Prince Boateng, che arretra nella posizione di interno di sinistra. Infine l’attacco, con il ritorno di Super Mario Balotelli (già 4 i gol siglati dall’ex City con la casacca rossonera) dal primo minuto, affiancato dalle altre due creste El Shaarawy (secondo cannoniere della Serie A con 15 gol all’attivo) e Niang. In panchina siederanno: Gabriel, Petkovic, Abate, Zaccardo, Yepes, Ambrosini, Flamini, Nocerino, Bojan, Traoré, Pazzini.

Inter (4-3-1-2): Handanovic; Zanetti, Juan Jesus, Chivu, Nagatomo; Gargano, Kuzmanovic, Cambiasso; Guarin; Palacio, Cassano.

 

A disp.: Belec, Carrizo, Silvestre, Mbaye, Jonathan, Stankovic, Kovacic, Benassi, Alvarez, Rocchi. All.: Stramaccioni

 

Squalificati: Pereira (1)

 

Indisponibili: Castellazzi, Mudingayi, Samuel, Milito, Ranocchia, Obi

 

Milan (4-3-3): Abbiati; De Sciglio, Zapata, Mexes, Constant; Muntari, Montolivo, Boateng; Niang, Balotelli, El Shaarawy.

 

A disp.: Gabriel, Petkovic, Abate, Zaccardo, Yepes, Ambrosini, Flamini, Nocerino, Bojan, Traoré, Pazzini. All.: Allegri.

 

Squalificati: nessuno

 

Indisponibili: Bonera, De Jong, Amelia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori