CATANIA-INTER (2-3)/ Colonnese: per Rocchi è troppo, Palacio la chiave. Su Stramaccioni-Cassano…(esclusiva)

In esclusiva a Ilsussidiario.net, Francesco Colonnese, ex difensore dell’Inter, ha parlato della vittoria dei nerazzurri contro il Catania, al termine di un incontro pazzesco vinto per 3-2

03.03.2013 - int. Francesco Colonnese
schelotto_alvarez
(INFOPHOTO)

E’ tornata la Pazza Inter, quella delle grandi rimonte. Quella di Catania (clicca qui per le pagelle del match) ricorda per certi versi la storica, indimenticabile impresa casalinga contro la Sampdoria, nel 2004-2005. La partita del Cibali è stata clamorosa nel suo sviluppo, visto che alla fine del primo tempo i nerazzurri erano sotto 2-0 per i gol di Bergessio e Marchese. Ma nella ripresa i nerazzurri si sono riscattati, con le reti di Alvarez e di Palacio, quest’ultimo vero protagonista della rimonta con un assist e una doppietta. I nerazzurri si ritrovano ancora a meno un punto dal Milan, che è al terzo posto in classifica: la Champions League è ancora un obiettivo fattibile per la squadra di Stramaccioni. Dopo lo shock del primo tempo, l’allenatore romano ha ottenuto una reazione dai suoi, inserendo in campo giocatori determinanti, come Stankovic, Cambiasso e lo stesso Palacio. L’Inter ha vinto senza Antonio Cassano, che è stato punito da Stramaccioni dopo il litigio avuto durante l’allenamento del venerdì pomeriggio. Per parlare della vittoria dell’Inter abbiamo intervistato l’ex giocatore dell’Inter Francesco Colonnese, in esclusiva a Ilsussidiario.net.

Possiamo tranquillamente dire ‘clamoroso al Cibali’ dopo la partita tra Catania ed Inter… Esatto, è stata una vittoria incredibile da parte dell’Inter che non mi aspettavo assolutamente, dopo un primo tempo disastroso e con il Catania in pieno possesso della partita.

Può essere la svolta della stagione dell’Inter? E’ stata una vittoria importante, può dare la scossa giusta all’Inter.

Quale è stata la chiave che ha portato al successo nerazzurro? L’ingresso in campo di giocatori determinanti come Palacio, lo stesso Stankovic anche se non giocava da tempo e infine Cambiasso, che non molla mai.

L’Inter è quella del primo o del secondo tempo? E’ sempre difficile analizzare queste partite, l’Inter del primo tempo è troppo brutta per essere vera. Quella del secondo tempo ha mostrato carattere.

Meriti a Stramaccioni? E’ stato lui a mandare in campo i giocatori decisivi, però nel primo tempo la squadra non sembrava quella giusta per affrontare il Catania.

Prima Sneijder, ora Cassano: Stramaccioni ha fatto bene ad escludere il barese?

Io credo di si, ci sono delle regole nel gruppo e quindi vanno rispettate. Stramaccioni deve guardare anche al resto del gruppo, ma Cassano sarà importante per l’Inter fino al termine della stagione visto che il caso è già rientrato.

Palacio è stato determinante… Io non sono sorpreso, questo è un giocatore importante, un campione. E’ normale che abbia fatto la differenza.

Un giudizio sulla partita di Rocchi? Tommaso non è mai stato una prima punta, prima però attaccava la profondità. Secondo me l’Inter è una realtà troppo grande per lui, in questo momento della sua carriera.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori