CALCIOMERCATO/ Inter, occhi puntati su Ademilson, gioiello del San Paolo (esclusiva)

- La Redazione

Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da Ilsussidiario.net, nel mirino dell’Inter c’è Ademilson Braga Bispo Junior, meglio noto come Ademilson, gioiello del San Paolo, classe ’94.

luisfabiano_sanpaolo_abbraccio
Moratti (infophoto)

In casa Inter continuano sondaggi, scrutini e indiscrezioni per capire chi sarà l’allenatore nella prossima stagione. Andrea Stramaccioni ha molti alibi per giustificare questa brutta stagione ma sicuramente dovrà dare spiegazioni di un gioco che non è mai decollato. Anche alcuni dirigenti dovranno spiegare a Moratti il perché di certe scelte, anche se forse verranno salvati grazie al colpo Mateo Kovacic, classe ’94, regista di qualità che sta facendo molto bene nonostante la stagione sciagurata dei nerazzurri. Moratti vuole ripartire proprio dal croato, cercando di puntare su molti giovani di talento per iniziare un ciclo duraturo nel tempo. Non a caso l’Inter ha messo nel mirino diversi giocatori da tutto il mondo: le follie economiche i nerazzurri vogliono farle non più per campioni già affermate ma per prospetti che abbiano ampi margini di miglioramento. La rivoluzione alla quale è chiamata l’Inter è di quelle importanti, e soprattutto c’è la sensazione che non si potrà più sbagliare, perchè un’altra stagione come le due passate non sarà più tollerata. La principale terra di conquista è il Sudamerica: la colonia di argentini è nutritissima ad Appiano Gentile, ma nel recente passato importanti sono stati anche i brasiliani e ce n’è uno che starebbe stuzzicando Branca e Moratti. Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da Ilsussidiario.net, nel mirino dell’Inter c’è Ademilson Braga Bispo Junior, meglio noto come Ademilson, gioiello del San Paolo, classe ’94. Si tratta di un calciatore dotato tecnicamente e molto veloce. Un attaccante che in patria hanno anche accostato a Samuel Eto’o, ex bomber di Barcellona e Inter oggi all’Anzhi. Admilson ha incantato tutti fin dagli esordi, segnando tantissimo nella Nazionale Under 17 brasiliana ma anche nella sua squadra di club (l’ultima retel in ordine cronologico è stato quello segnato all’Atletico Mineiro). Un attaccante che ha il senso del gol innato, per questo il tecnico del San Paolo preferisce impiegarlo davanti alla porta, per sfruttare al massimo le sue qualità di bomber. La rapidità dei movimenti lo porta a essere letale, la maturità mostrata in alcune situazioni ne fa un prospetto che sembra essere più maturo di quello che la carta d’identità lascerebbe intendere. L’Inter lo segue da diverso tempo, ora i nerazzurri stanno pensando davvero di ingaggiare il giocatore anche se l’esperienza con Paulinho insegna che non è mai facile chiudere un affare in terra verdeoro. L’arrivo del Mondiale ha arricchito molti club brasiliani e prima di acquistare un giovane si dovrà offrire una cifra importante. In più il giocatore è un gioiello del proprio club, e il San Paolo non ha alcuna intenzione di lasciarlo partire così facilmente.

Il problema principale è che il club paulista vede nel giovane calciatore l’erede designato di Luis Fabiano, un giocatore che ha fatto benissimo in Europa con la maglia del Siviglia e ora dovrà stare molto attento se non vorrà farsi soffiare il posto dal suo giovane collega.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori