CALCIOMERCATO/ Inter, Fernando e Marquinho già prenotati, retroscena Cannavaro

- La Redazione

L’Inter prenota gli acquisti del mercato di riparazione del 2014. Occhi su Wellington, centrocampista brasiliano, ma anche su Marquinho della Roma e Fernando del Porto

Fernando_Inter
Fernando, centrocampista del Porto (Foto Infophoto)

CALCIOMERCATO INTER – Si è chiuso due giorni fa il mercato estivo ma per le varie squadre è già tempo di iniziare a pensare alla sessione invernale. La programmazione delle trattative è ormai una regola base nel calcio attuale e i vari club preparano, seppur timidamente, la strategia migliore per agguantare quei colpi sfumati durante l’estate che volge alla conclusione. Non fa eccezione l’Inter che nelle scorse settimane ha provato ad assicurarsi un nuovo centrocampista, su tutti Marquinho della Roma, invano. Siamo certi che a breve i nerazzurri si ripresenteranno al cospetto dei giallorossi con una nuova proposta e nel contempo studieranno valide alternative come ad esempio Fernando del Porto, calciatore spesso e volentieri accostato al club meneghino, che a gennaio 2014 avrà il contratto a sei mesi dalla scadenza. Sarà quindi acquistabile a zero e indubbiamente sarà uno dei giocatori più ambiti del panorama europeo. Infine, come dimenticarsi di Wellington, brasiliano in forza al San Paolo, avvicinato moltissimo dal club di corso Vittorio Emanuele prima che il tutto decadesse con l’arrivo di Saphir Taider dal Bologna.

CALCIOMERCATO INTER – Intanto emerge un interessante retroscena riguardante Paolo Cannavaro. Come rivelato nelle ultime ore oltre al Milan anche l’Inter avrebbe effettuato un tentativo sul gong (smentito da Branca) per assicurarsi l’esperto difensore partenopeo. L’idea di Walter Mazzarri è stata quella di proporre lo scambio Andreolli-Campagnaro. La domanda sorge spontanea: perché l’Inter avrebbe dovuto cedere Andreolli, appena tornato ad Appiano Gentile? La risposta è probabilmente semplice e va trovata nel fatto che l’ex Chievo non è stato un acquisto di Mazzarri ma ben sì di Stramaccioni, e come accaduto con Ziegler-Conte, il tecnico toscano era pronto a disfarsene ancor prima di vederlo all’opera. Come per il Milan, però, anche con l’Inter l’operazione è fallita soprattutto perché sembra che dopo l’affare Campagnaro i rapporti fra le due società non sia più idilliaci come un tempo…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori