Calciomercato Inter/ News: piace Ianis, figlio del grande Hagi. Notizie al 22 e 23 ottobre (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Inter, il club nerazzurro sarebbe rimasto affascinato da Hagi, figlio della stella del calcio rumeno, attuale calciatore del Vitorul Costanza: sulle sue tracce anche altre big

inter_tifosi
Inter (INFOPHOTO)

L’Inter starebbe pensando a Ianis Hagi, giovane talento rumeno nonché figlio del “Maradaona dei Carpazi”, la stella Gheorghe Hagi. Stando alle indiscrezioni riportate nelle ultime ore in particolare dalla stampa turca, vi sarebbe anche la società di corso Vittorio Emanuele sulle tracce del calciatore che milita fra le fila di Vitorul Costanza, squadra di cui Hagi senior è il vice-allenatore. Appena 16enne, Ionis è un centrocampista offensivo dotato di dribbling, tecnica, tiro e potenza, e pare che il caratteraccio del padre non sia stato ereditato. Hagi, oltre all’Inter, piace anche ad altre società italiane, leggasi Roma, Fiorentina e Bologna.

L’Inter ha deciso di puntare su Andrej Kramaric, attaccante croato del Rijeka, classe ’91, in scadenza di contratto a giugno. Ma il noto giornalista Alfredo Pedullà, sul proprio blog personale, ha spiegato un po’ di cose: “Kramaric è in scadenza ma ci sarebbe un’opzione per il rinnovo, tra l’altro il 70% delle quote del Rijeka sono di Volpi, patron dello Spezia, molto vicino a Percassi. L’Atalanta infatti è piombata sul giocatore, così come il Milan. Ma l’Inter punta molto sul croato tanto che potrebbe esserci una sinergia con l’Atalanta, anche se bisognerà stare attenti alla grande concorrenza che c’è sul talento croato“. All’Inter mancherebbe in effetti una punta visto che Osvaldo è infortunato, Palacio non è ancora in forma e Icardi pecca di continuità vista la giovane età.

Arriva la risposta di Walter Mazzarri a Massimo Moratti, anche se quella dell’allenatore dell’Inter è più una “non risposta”. Due giorni fa, in occasione dell’assemblea dei soci, il presidente onorario nerazzurro aveva parlato così del futuro del tecnico livornese: «Se non inizia a vincere sono guai…», lasciando quindi presagire un possibile esonero se la squadra meneghina non dovesse tornare a breve alla vittoria. Una dichiarazione che non ha affatto reso felice Mazzarri, che ieri ha esternato tutto il suo malessere in conferenza stampa. A Moratti l’ex allenatore del Napoli ha replicato così: «Volete sapere se mi hanno sorpreso le sue parole? Io sono concentrato sul Saint Etienne e non disperdo le mie energie rispondendo a questo o a quell’altro. Non ho tempo da perdere… Come ho sempre fatto fin dal primo giorno che sono arrivato qua, voglio far crescere e rendere al massimo i giocatori che mi sono stati messi a disposizione». Mazzarri si è quindi ripetuto ad una nuova domanda di un cronista, nuovamente sulle parole di Moratti: «Ci sarà tempo e modo per rispondere a tutti e adesso penso solo alla squadra. Un allenatore per parlare deve aspettare il momento giusto e questo non lo è. La società conosce i problemi che ci sono e come lavoro. Adesso però bisogna far bene in campo: parlando di fronte ai giornalisti c’è solo il rischio che le mie frasi siano strumentalizzate».

Anche l’Inter si inserisce nella corsa a Xherdan Shaqiri, talento svizzero del Bayern Monaco che sta trovando poco spazio. Il contratto del calciatore scade nel giugno 2016 e i bavaresi si sarebbero ormai convinti a cedere il ragazzo già a gennaio. Su di lui da tempo c’è la Juventus, ma ora si sono aggiunti anche i neroazzurri come riportato dal portale di Gianluca Di Marzio. Shaqiri guadagna 2,7 milioni di euro l’anno, una cifra comunque importante. Ieri intanto questi ha ricordato tutte le sue qualità nella sfida contro la Roma, entrata a partita in corso ha messo dentro la rete del 6-1 sfruttando una respinta maldestra di De Sanctis su un tiro da fuori di Lahm.

Continuano i sondaggi in Romania da parte dell’Inter che vorrebbe pescare altri talenti dopo aver portato in neroazzurro Ravzan Popa, Stefan Radu e George Puscas. Il nome che negli ultimi giorni si sta prendendo tutto il palcoscenico è quello di Ianis Hagi, figlio del grandissimo talento Gheorghe da tutti considerato il più forte calciatore della storia della Romania. Su di lui ci sono stati diversi club italiani tra cui Parma, Bologna e Fiorentina. La Roma è quella che ha mosso i passi più concreti, visto che a giugno proprio Gheorghe era stato a Trigoria per parlarne. Ianis è un classe 1998 e gioca nelle giovanili del Vitolul Costanta.

Il Corriere di Romagna parla di un particolare caso Nagatomo. Il Cesena dovrà versare 600mila euro nelle casse del Tokyo Fc che deve ricevere ancora una parte dei soldi per la cessione nel 2010 del terzino giapponese all’Inter. Ieri il club romagnolo ha chiesto a Losanna la raiteizzazione in due anni al tribunale di Arbitrato Sportivo. Si tratterà il caso a Zurigo nei prossimi mesi, ma il club nipponico ha rifiutato questa soluzione. Loro vorrebbero che il Cesena saldasse il debito in un’unica rata.

In Italia Alvaro Pereira non ha mostrato nulla del proprio potenziale, per questo in estate l’Inter lo ha mandato in prestito in Brasile al San Paolo dove sta riscuotendo un successo importante tra i tifosi del club paulista. Il presidente del club brasiliano Carlos Miguel Aidar, intervistato dalla stampa brasiliana, ha dichiarato: “Faremo di tutto per riscattare il calciatore che sta facendo molto bene da noi. Ovviamente dipenderà dalle condizioni economiche del riscatto“. L’Inter vorrebbe 7 milioni di euro per il riscatto dell’uruguagio, il San Paolo però non sembra disposto a spendere tanto per il Nazionale uruguagio.

L’arrivo di Walter Mazzarri è stato voluto fortemente da Massimo Moratti che due estati fa ha deciso di puntare sull’allora allenatore del Napoli. E’ stata forse l’ultima decisione da presidente dell’imprenditore italiano prima di passare il testimone a Thohir. Qualche giorno fa Moratti ha parlato della situazione di Mazzarri consigliando al tecnico di portare qualche risultato positivo per evitare ripercussioni sul proprio futuro. Frasi che, come rivela la Gazzetta dello Sport, non sono piaciute al tecnico toscano che è rimasto deluso dalle parole dell’ex presidente. Per ora Mazzarri è sereno visto che ha incassato la fiducia da parte del presidente Thohir ma è chiaro che l’Inter dovrà tornare a vincere in campionato già dalla trasferta di Cesena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori