Calciomercato Inter/ News, Silvestre definitivo alla Samp. Notizie al 13 novembre 2014 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Inter, Matias Silvestre si è rilanciato alla Sampdoria dopo due stagioni negative passate nelle due squadre di Milano. Il club ligure vorrebbe riscattare il centrale argentino.

inter_bandiera
Inter (INFOPHOTO)

Matias Silvestre è uno dei protagonisti della ottima stagione della Sampdoria di Sinisa Mihajlovic. Il difensore argentino si sta rilanciando alla grande dopo due annate negative passate prima all’Inter e poi al Milan. Il prestito in Liguria lo ha rigenerato ed il presidente Massimo Ferrero sta pensando di riscattarlo definitivamente già nel mercato di gennaio. Questa indiscrezione è stata riportata dalla redazione di Tuttomercatoweb.com. Silvestre vedrebbe sicuramente di buon occhio una sua permanenza a Genova.

Diego Laxalt è uno dei grandi punti interrogativi di questo inizio di stagione neroazzurra. Il centrocampista uruguaiano classe 1993, protagonista di un ottimo precampionato con l’Inter, è andato in prestito all’Empoli per giocare ma ha collezionato appena uno scampolo di gara in Serie A e uno in Coppa Italia chiuso da Verdi e Zielinski. Il calciatore piace molto a Sampdoria e Udinese che sarebbero pronte a dargli più spazio. Secondo FcInterNews al momento però la dirigenza dell’Inter non starebbe pensando a una nuova sistemazione per il calciatore. Da parte sua il centrocampista offensivo e il suo entourage si muovono nel silenzio e non hanno mai detto una parola fuori posto, il ragazzo si impegna e vuole conquistare la fiducia di Sarri. Se a metà gennaio la situazione però non dovesse essere cambiata potrebbero esserci delle novità.

In Francia sono sicuri, per la panchina dell’Inter è pronto Luciano Spalletti. FootTransferts è tra i pensieri del club neroazzurro. Potrebbe essere quindi chiamato subito per sostituire Walter Mazzarri. L’ex tecnico del Napoli non ha legato con l’ambiente neroazzurro e gli scarsi risultati dell’ultimo periodo stanno convincendo la società a prendere una decisione importante. L’unico problema è rappresentato dal fairplay finanziario, visto che l’esonero di un tecnico e l’assunzione di un altro a libro paga alzerebbe ancor di più i parametri economici.

Durante il calciomercato di riparazione del 2015 l’Inter proseguirà la sua caccia agli affari. Del resto il diktat di Erick Thohir è ormai arcinoto: spendere poco e bene. Incombe come una mannaia su corso Vittorio Emanuele il bilancio, ed è per questo che in casa Inter non è ancora il momento per le spese pazze. Tanti i giocatori in saldo nel mirino del dt Ausilio e fra questi attenzione anche a Jermaine Jenas. Il 31enne centrocampista inglese è attualmente senza una sistemazione dopo che è scaduto il contratto con i londinesi del Queens Park Rangers. La scorsa stagione l’ex Tottenham, Aston Villa e Newcastle è sceso in campo in 26 match, segnando due reti. Abile a giocare sia nel ruolo di centrocampista centrale a ridosso delle punte, ma anche come interno di destra e mediano, Jenas potrebbe rappresentare una scommessa interessante in caso di addio di uno fra Kuzmanovic, Obi e Guarin.

Per il calciomercato di riparazione di gennaio tornerà di moda in casa Inter il nome di Eduardo Salvio. L’esterno d’attacco argentino, in forza al Benfica, è ormai da diversi mesi nel mirino delle big italiane e secondo quanto raccoglie la stampa portoghese, in prima fila fra le pretendenti vi sarebbero Inter e Milan. Non sarà semplice però per le meneghine assicurarsi il 24enne di Avellaneda visto che lo stesso è blindato in Portogallo con un contratto a scadenza 30 giugno del ma soprattutto la sua clausola rescissoria fa paura, pari a ben 60 milioni di euro. Impossibile per le big tricolore assicurarsi il giocatore in questione a tali cifre.

Negli ultimi il club nerazzurro è stato accostato con forza a Bakkali. L’Inter necessita di un attaccante e durante il calciomercato di riparazione di gennaio tenterà sicuramente di rinforzare il reparto più avanzato. Fra i tanti giocatori accostati alla compagine meneghina, dicevamo, anche il classe belga che gioca nel PSV Eindhoven, in Olanda. La sua particolarità è di avere il contratto in scadenza a giugno del 2015 quindi fra pochi mesi sarebbe acquistabile in forte saldo. A tutt’oggi, però, l’interesse interista sembrerebbe essere solo un rumors, come fa chiaramente capire l’agente dello stesso, Didier Frenay, interpellato da FcInter1908.it: «Posso serenamente dire che si tratta solo di rumors di mercato, con me non ha parlato nessuno. So che ci sono tanti club sul ragazzo, questo si, ma dell’Inter di specifico non so proprio nulla. Non li ho sentiti. Ha un contratto con il PSV fino a giugno e pensa solo a quello…».

In occasione della finestra di calciomercato del prossimo gennaio 2015, in casa Inter si cercherà di innestare il reparto attaccanti con un nuovo elemento di qualità. Mazzarri ha chiesto infatti un rinforzo offensivo alla propria dirigenza, alla luce degli acciacchi di Osvaldo e del rendimento negativo di Palacio. Sono diversi i nomi sul taccuino dell’Inter a cominciare dal talento belga Bakkali, classe 1996 in forza al PSV Eindhoven in scadenza di contratto. Situazione contrattuale identica per Konoplyanka, 25enne esterno del Dnipro che lascerà la fredda Ucraina a gennaio per spostarsi più ad occidente. Infine, attenzione alla suggestiva idea Alexandre Pato, che dopo aver occupato le cronache mercantili in estate, sta tornando d’attualità. L’ex Milan ha voglia di rimettere piede in Italia e anche lui ha il contratto in scadenza. Piace anche alla Juventus e chissà che i rossoneri non ci ripensino…

L’Inter per la prossima stagione ha intenzione di cambiare allenatore soprattutto se Mazzarri non dovesse centrare il discorso Champions League. I nerazzurri potrebbero pensare a Sinisa Mihajlovic, vero e proprio pallino del numero uno dell’Inter Thohir, ma attenzione anche alla candidatura di De Boer, tecnico dell’Ajax che viene da quattro campionati consecutivi vinti. De Boer ha già detto di no una volta all’Inter e al campionato italiano, Thohir però sta europeizzando maggiormente i nerazzurri e cercherà di convincere l’allenatore olandese a dire sì alla proposta della società milanese. Non sarà facile ma Thohir vorrà davvero provarci.

In occasione del calciomercato del 2015, Samir Handanovic potrebbe salutare l’Inter. L’estremo difensore della nazionale slovena si trova molto bene ad Appiano Gentile, ma sogna di vincere qualcosa di importante, a cominciare dal campionato per arrivare alla Champions League. Il contratto dell’ex Udinese scadrà a giugno , fra circa un anno e mezzo, e a fine stagione lo stesso tirerà le somme. L’Inter potrebbe decidere di cedere il giocatore qualora giungesse un’offerta concreta di almeno una decina di milioni di euro, la stessa cifra investita due anni fa. Con l’entourage non vi è nessun appuntamento in programma e il tutto sarà deciso con calma a metà 2015. Nel frattempo gli sguardi dei dirigenti meneghini sono rivolti a Bardi, che sta crescendo bene con il Chievo, dando vita a prestazioni convincenti: la staffetta è quasi pronta…

Secondo quanto riportato dall’esperto di calciomercato Alfredo Pedullà l’Inter dovrà fronteggiare la concorrenza di due importanti club europei per poter arrivare a Fabian Schar. Sul difensore centrale del Basilea ci sono infatti Arsenal e Borussia Dortmund. In particolare i Gunners sembrano disposti a versare 10 milioni di euro nelle casse del club svizzero per strappare il giocatore già nel mercato di gennaio. Il talento classe 1991 è in scadenza di contratto nel giugno 2015, ma il Basilea ha un’opzione per estenderlo. Al momento comunque le trattative per il rinnovo sono bloccate. Il nazionale elvetico è concentrato sulla stagione in corso che vede la squadra di Paulo Sousa in lotta per la vittoria finale del campionato e per il passaggio del turno in Champions League. Se per lui dovesse scatenarsi un’asta, difficilmente l’Inter potrà parteciparvi dato che la società guidata da Erick Thohir deve far quadrare i conti del bilancio per non peggiorare una situazione già finita nel mirino dell’Uefa. L’operazione Schar è possibile solo a cifre contenute e a patto di riuscire prima a sfoltire un po’ la rosa per risparmiare sul monte ingaggi e ricavare un po’ di denaro utile da reinvestire sul mercato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori