Pagelle/ Inter-Dnipro (2-1): i voti della partita, i top e i flop (Europa League 2014-2015, gruppo F)

- La Redazione

Pagelle Inter-Dnipro 2-1: i voti della partita di Europa League, quinta giornata del gruppo F. I protagonisti del match di San Siro, i migliori e i peggiori, ecco i top e i flop

handanovic_braccia
Handanovic, portiere Inter (Infophoto)

Termina con il risultato di due a uno per l’Inter la sfida fra i nerazzurri e gli ucraini del Dnipro, valevole per il quarto turno dei gironi di Europa League 2014-2015, Gruppo F. Il club meneghino ottiene così i tre punti, la vetta del girone e la qualificazione ai sedicesimi di EuroLeague. Un vero regalo per Roberto Mancini, ieri squalificato, che ha festeggiato proprio nelle scorse ore il 50esimo compleanno. Andiamo a vedere insieme, analizzando i voti e le pagelle del fantacalcio, i migliori e i peggiori dell’incontro, i classici top e flop.– Ennesima prestazione superlativa per Samir Handanovic, protagonista assoluto della sfida di ieri nonché il migliore del match. L’estremo difensore della nazionale slovena para l’ennesimo rigore (il sesto di fila), chiudendo la porta in maniera impeccabile a Konoplyanka (futuro nerazzurro?). E’ grazie a lui se Mancini si mette in tasca tre punti: insuperabile.– Se Handanovic è stato il man of the match, il peggiore in assoluto è stato invece Andrea Ranocchia. E’ davvero disastrosa la prestazione del capitano nerazzurro, protagonista di una gara cattiva e nervosa. L’espulsione arriva all’inizio della ripresa e costringe i suoi compagni a 45 minuti davvero da thriller: sciagurato. – E’ di Rotan la miglior prova del Dnipro. Il capitano degli ucraini registra una prestazione più che positiva, segnando tra l’altro la rete del momentaneo vantaggio degli ospiti: una partita diligente per lui. – E’ il peggiore del Dnipro Fedetskiy. E’ colpevole di aver commesso l’errore decisivo sulla rete del 2 a 1 interista, sbagliando il fuorigioco, e regalando quindi i tre punti agli avversari. L’inizio del match sembra positivo ma poi finisce ingabbiato fra le maglie interiste, senza mai farsi vedere né incidere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori