Calciomercato Inter/ News, Icardi-Lukaku: il Chelsea dice no (esclusiva)

Calciomercato Inter news: secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net, il Chelsea ha detto no al possibile scambio tra Romelu Lukaku e Mauro Icardi

16.06.2014 - La Redazione
icardi_palacio
Icardi (infophoto)

Nove gol in ventidue presenze, non sempre dal primo minuto, sono sicuramente un ottimo bottino per un ragazzo del ’93 che passa dalla Sampdoria all’Inter. Mauro Icardi ha conquistato tutti i tifosi nerazzurri con le sue prodezze in campo. Ma rischia di essere per uno dei tormentoni del calciomercato estivo. L’Inter lo ha completamente riscattato dalla Sampdoria, su di lui ci sono già diversi club stranieri di livello come Monaco, Chelsea, ed altri che presto potrebbero accodarsi. L’Inter però non vuole cedere Mauro Icardi, sa bene che l’argentino è un centravanti di talento che può affermarsi definitivamente nella prossima stagione. Il Chelsea ci sta lavorando, Mourinho non ha mai nascosto l’interesse per il ragazzo. Da giorni si parla di un possibile scambio tra Inter e Chelsea, con Icardi a Londra e il belga Romelu Lukaku in maglia nerazzurra. Lukaku, che come Icardi è un classe ’93, è un altro attaccante di talento e di grande forza fisica che sarà impegnato ai Mondiali con il Belgio. Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net, il Chelsea è contrario a questo scambio. Soprattutto se fosse concepito alla pari. I londinesi valutano Lukaku 25 milioni di euro, non accettano prestiti e vogliono cedere definitivamente il belga che non piace a Mourinho. I londinesi inoltre valutano di meno il cartellino di Icardi, e potrebbero pensare a questa ipotesi solo se l’Inter fosse disposta a mettere sul piatto anche un conguaglio economico. Altrimenti il Chelsea non darà mai il via libera all’operazione. A questo punto l’Inter non cercherà neanche di trattare anche perché i nerazzurri non vogliono cedere Icardi ma soprattutto sanno perfettamente che il Monaco potrebbe offrire una bella cifra per l’argentino.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori