Calciomercato Inter/ News, Casotti: M’Vila, è tempo di cambiare. Osvaldo e il treno di Conte… (esclusiva)

- int. Federico Casotti

Calciomercato Inter news, in esclusiva per IlSussidiario.net, il giornalista e telecronista Federico Casotti parla della squadra nerazzurra e in particolare degli ultimi acquisti

dambrosio_ranocchia
Infophoto

L’Inter vuole essere tra le protagonista del prossimo campionato. Mazzarri ha chiesto determinati calciatori, da M’Vila e Medel passando per Osvaldo, giocatori dal carattere forte che dovranno trovare gli stimoli giusti per fare bene. I tifosi sperano che M’Vila possa dare il giusto contributo evitando colpi di testa che lo hanno caratterizzato in questi ultimi due anni. In esclusiva per ilSussidiario.net, Federico Casotti, giornalista e direttore di Goal.com Italia, ha parlato del calciomercato dell’Inter.

Kovacic-Hernanes, primi problemi di convivenza. Quale è il problema? Credo che il vero problema sia la fiducia di Mazzarri nei confronti di Kovacic. Non si tratta del fattore giovani, il problema è tattico.

In che senso? Mazzarri non ha ancora dato un ruolo ben preciso al giovane croato, per questo potrebbero esserci dei problemi di convivenza con Hernanes.

Si aspetta tanto da M’Vila? Molto direi, soprattutto spero abbia deciso di mettere la testa a posto dopo le ultime due stagioni. M’Vila ancora moderatamente giovane, però deve sfruttare al massimo questa occasione.

Stesso discorso per Osvaldo? Secondo me Osvaldo farà bene e non parlo solo dal punto di vista realizzativo. Però credo che possa fornire prestazioni convincenti e soprattutto continue.

C’è anche il discorso Nazionale… Se Conte dovesse diventare nuovo c.t. della Nazionale italiana per Osvaldo ci sarebbero ottime possibilità di tornare in gioco.

Guarin verso l’addio, l’Inter non ha saputo sfruttare il giocatore? Il colombiano nell’ultimo anno ha fatto davvero poco per convincere l’Inter a puntare su di lui. Forse in un altro club potrebbe fare il salto di qualità.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori