Calciomercato Inter/ News, Quistelli (ag. FIFA): tutte le ricette per lo Scudetto. E Mazzarri… (esclusiva)

- int. Umberto Quistelli

Calciomercato Inter news, in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Umberto Quistelli ha parlato del calciomercato nerazzurro e in particolare di Kovacic e Icardi.

icardi_palacio
Icardi (infophoto)

L’Inter ha rinforzato la rosa secondo le disposizioni di calciomercato di Walter Mazzarri che ha voluto gente tosta in mezzo al campo e un attaccante di valore come Osvaldo in attacco. Ora il tecnico toscano dovrà trovare l’amalgama giusta in campo. L’Inter potrebbe mettere a segno un ultimo colpo di mercato prima di chiudere la sessione estiva, ma molto dipenderà dalla situazione di Guarin. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Umberto Quistelli ha parlato del calciomercato nerazzurro.

Gli ultimi due test di pre-campionato non hanno dato parere positivo all’Inter di Mazzarri. Come mai? Credo che la squadra ancora non abbia smaltito i carichi di lavoro, io credo fortemente in questa Inter, è stata costruita bene.

Dove potrà arrivare la squadra nerazzurra? Secondo me è una delle candidate alla vittoria dello Scudetto, potrà fare molto bene, sono convinto che il progetto Mazzarri funzionerà. Il tecnico toscano non potrà nascondersi.

Quale è la ricetta per poter lottare per lo Scudetto? Mazzarri punterà molto su Icardi, il giovane argentino dovrà fare bene e mostrare in pieno l’enorme potenziale a disposizione. Ma dovrà essere anche l’anno di Kovacic.

Riuscirà il croato a ritagliarsi lo spazio necessario? Non ci dovrà essere più la scusante della giovane età, Kovacic è forte ed ha talento, sono convinto che farà bene. Mazzarri dovrà avere maggiore fiducia in lui.

Ranocchia sarà il capitano giusto? Ora avrà piena fiducia da parte di tutto l’ambiente e accanto a Vidic farà bene anche lui.

Guarin potrebbe rientrare nel progetto Mazzarri? Non credo proprio, penso che il colombiano possa davvero andare via dal club nerazzurro ma ci dovrà essere un’offerta importante.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori