Video/ Inter-Frosinone (4-0): highlights e gol della partita. La scivolata di Mancini (Serie A 2015-2016, 13^ giornata)

- La Redazione

Video Inter-Frosinone 4-0: highlights, gol e sintesi della partita di Serie A disputata a San Siro domenica 22 novembre 2015, posticipo della 13^giornata di campionato

LjajicMancini2015
Foto Infophoto

L’Inter batte il Frosinone per quattro reti a zero in casa, portandosi in vetta in solitaria alla classifica di Serie A. Grande spettacolo sul rettangolo di gioco con le quattro marcature dei nerazzurri, fra cui anche il ritorno al gol di Biabiany. Anche Roberto Mancini ha provato però ad attirare le telecamere su di se dopo uno scivolone dello stesso: la palla era uscita dal campo e lo jesino, per provare a rimandarla subito in gioco, ha tentato un tiro ma ha perso la gamba d’appoggio ed è ruzzolato a terra.

L’Inter affonda il Frosinone con il risultato rotondo di quattro reti a zero, e in virtù del pareggio della Fiorentina con l’Empoli, rimane da solo in vetta alla classifica. Soddisfatto a fine match l’allenatore dei nerazzurri, Roberto Mancini, che ai microfoni di Inter Channel ha ammesso: «Oggi abbiamo fatto quattro gol, abbiamo creato tanto; l’importante era comunque vincere. Abbiamo lavorato quasi due settimane per preparare questa partita; abbiamo fatto riposare quelli più stanchi. Abbiamo giocato bene e quelli in attacco possono migliorare ancora; in difesa abbiamo difeso bene. Mi sono divertito, anche se il tre a zero doveva arrivare prima…».

Il posticipo della 13^ giornata di Serie A tra Inter e Frosinone che si è appena concluso ha visto i nerazzurri uscire vincitori da San Siro per 4 reti a 0. Anche le statistiche testimoniano la netta superiorità della squadra di Roberto Mancini?

Stando ai dati forniti dalla Lega Calcio, l’Inter ha totalizzato un possesso palla del 61% contro il 39% dei ciociari, affermando la propria leadership anche in quanto a tiri totali (16 contro 9) e tiri in porta (10 contro 4). Leggero vantaggio nerazzurro anche per quel che concerne i tiri fuori dallo specchio (6 contro 5), mentre è nettamente più ampio il margine per la formazione meneghina rispetto alle occasioni da gol (10 contro 2). L’unico dato che vede in vantaggio la squadra di Stellone riguarda il numero di offside: gli attaccanti ciociari sono stati pescati in fuorigioco dal guardalinee per 2 volte; sempre attente invece le punte dell’Inter, mai caduti nella trappola tesa dalla retroguardia gialloblu.

Dopo il successo per 4 a 0 maturato contro il Frosinone nel posticipo della 13^ giornata di Serie A, l’allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, ha parlato così ai microfoni de “La Domenica Sportiva”: “Abbiamo vinto una partita che, nonostante il risultato finale, non era facile. Abbiamo creato tante occasioni e siamo contenti di aver fatto quattro gol“. Mancini ha motivato le tante sorprese di formazione come scelte derivate dalle condizioni fisiche non smaglianti da parte dei nazionali: “Chi ha giocato era più fresco dei giocatori rientrati soltanto in settimana dagli impegni con la Nazionale, vedi Ljajic o Biabiany. Ho scelto la squadra che stava meglio“. Il tecnico nerazzurro ha poi parlato di mercato specificando che l’Inter comprerà “giocatori nuovi soltanto se si presenteranno le occasioni giuste per migliorare la squadra. Acquistare qualcuno tanto per fare non ha senso“. Infine un commento sulle differenze tra l’Inter e le altre rivali per lo Scudetto: “Napoli e Roma hanno grandi certezze, con calciatori che giocano insieme da tanto tempo. L’Inter invece è una squadra nuova, ci serve tempo“.

Anche l’allenatore sconfitto, Roberto Stellone, tecnico del Frosinone, ha parlato al programma di Rai Due nel post-partita: “Peccato, perché nel primo tempo abbiamo fatto un’ottima partita, rischiando anche di fare gol. Passati in svantaggio abbiamo provato a rimediare, ma a causa del nostro sbilanciamento abbiamo preso anche le altre reti. Dispiace perché abbiamo dato tutto ma torniamo a casa con zero punti. Per ottenere un risultato positivo dovevamo sperare non solo in una prova perfetta da parte nostra, ma anche in una brutta giornata dell’Inter. Così non è stato“. Il mister gialloblu, a chi gli chiedeva se fosse soddisfatto degli 11 punti in 13 giornate conquistati finora ha risposto: “Non ci accontentiamo. Nelle prossime due sfide con Hellas e Chievo cercheremo altri punti preziosi“. (Dario D’Angelo)

Video non disponibile



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori