Pronostico Inter Sampdoria/ Mazzola: Icardi? Da tenere ma con Lautaro… (esclusiva)

- int. Sandro Mazzola

Pronostico Inter Sampdoria: intervista esclusiva a Sandro Mazzola, sul match atteso oggi a San Siro alle ore 18,00, valido nella 24^ giornata di Serie A.

Quagliarella_Candreva-Handanovic_Inter_Sampdoria_lapresse_2017
Pronostico Inter Sampdoria (Foto LaPresse)

La partita tra Inter e Sampdoria, prevista oggi alle ore 18,00 a San Siro, si annuncia come un incontro molto interessante per la 24^ giornata di Serie A. I nerazzurri sono reduci dall‘1-0 a Vienna col Rapid in Europa League e dalla vittoria in campionato contro il Parma. Due successi importanti dentro la vicenda Icardi che sta condizionando le vicende della formazione di Spalletti. Ben pronti anche i blucerchiati che dopo la sconfitta di Napoli, hanno poi perso settimana scorsa in casa anche col Frosinone. Sarà quindi una partita in ogni caso da vedere fino in fondo, per questa Inter sempre protagonista in ogni senso. Per presentare questo match abbiamo sentito Sandro Mazzola: eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

Che partita sarà? Una partita sempre impegnativa per l’Inter, visto che poi la Sampdoria è sempre una buona squadra, che sa giocare bene al calcio.

Lautaro Martinez di nuovo titolare? Perchè no, anche a Vienna col Rapid si è disimpegnato bene. A me piace, è un attaccante che serve sempre nella rosa dell’Inter.

Come finirà la vicenda Icardi? Mi auguro e penso che finisca bene, uno come Icardi è sempre importante nel reparto offensivo di una squadra. E’ un grande attaccante, uno che la mette dentro. Non lo cederei, lo terrei all’Inter. Magari gli ridarei anche la fascia di capitano, si potrebbe chiudere così questa vicenda Icardi.

Un attaccante indispensabile per il gioco dell’Inter, come era Boninsegna? Sì Bonimba era un altro attaccante, magari con caratteristiche diverse che segnava sempre, uno fondamentale per l’Inter come adesso Icardi.

Quando giocava le sono mai capitate vicende come questa di Icardi? A miei tempi c’era Helenio Herrera un allenatore che non scherzava. Poi c’era Armando Picchi, il leader della “Grande Inter”, lui quando vedeva che un giocatore non faceva il suo, lo andava a cercare, lo metteva in riga!

Capitò anche a lei una cosa del genere? Capitò anche a me, in un Torino-Inter proprio a Torino. Era l’anniversario di Superga, ero molto emozionato, Picchi si avvicinò, mi disse di andare a giocare in avanti, di svegliarmi. Fu importante, io poi segnai in quella partita.

Una chance per Keità contro la Sampdoria? Sì Keita potrebbe giocare uno scampolo di questa partita, potrebbe essere utile anche lui.

Quali saranno poi gli obiettivi della squadra nerazzurra questa stagione? La Champions la formazione di Spalletti dovrebbe guadagnarla non così in modo tranquilla, ma ci arriverà. Poi se la giocherà in Europa League, tutto sarà possibile in questa competizione…

Come spiega questi alti e bassi della Sampdoria? La Sampdoria ottiene buoni risultati poi si adagia un po. Forse deve essere solo più continua, più costante.

Come metterà in campo la sua squadra Giampaolo? Credo che possa provare a rinforzare il centrocampo, per fermare l’Inter in questa zona del campo.

Il suo pronostico su quest’incontro. Vedo un successo dell’Inter o un pareggio.

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA