Inter, Spalletti: “Pagate leggerezze”/ “Paura per il derby? Mica ci picchiano”

Inter eliminata dall’Europa League per mano dell’Eintracht Francoforte, Luciano Spalletti amareggiato nel post-partita: ecco le sue parole.

15.03.2019 - Carmine Massimo Balsamo
Inter, Luciano Spalletti (LaPresse)
Inter, Luciano Spalletti (LaPresse)

«Abbiamo pagato delle leggerezze»: così Luciano Spalletti al termine di Inter Eintracht Francoforte, gara terminata 0-1 e che ha decretato l’eliminazione dall’Europa League dei nerazzurri. Ecco le parole del tecnico del Biscione in conferenza stampa: «L’inizio della partita credo sia stato colpa mia, forse mi sono spiegato male con la squadra: secondo me lo 0-0 era un risultato giusto, corretto. Non dovevamo metterla sul “o la va o la spacca”. Era necessario equilibrio, serviva capire i momenti: loro lasciano e concedono spazi, non siamo stati bravi e abbiamo perso subito equilibrio e ordine». Continua Spalletti: «Alcuni palloni persi ci sono stati corse e lucidità, l’Eintracht invece ha fatto la gara che doveva fare. Il gol preso a inizio partita ci ha fatto innervosire, abbiamo cercato di ribaltarla a livello individuale anziché mantenere l’assetto della squadra».

INTER EINTRACHT FRANCOFORTE, LE PAROLE DI SPALLETTI

Prosegue il tecnico di Certaldo: «Le aspettative erano molte, noi abbiamo perso subito equilibri. Giocavamo in casa e dovevamo giocarla con intelligenza, invece abbiamo fatto confusione nel forzare le giocate non di squadra. Lo 0-0 alla fine è un risultato penalizzante, come venuto fuori nei giorni precedenti. Si deve vincere, ma si può fare anche all’ultimo, non solo nei primi 10 minuti». Così Luciano Spalletti ai microfoni di Sky Sport in vista del derby di domenica contro il Milan: «Paura? Parlare di paura è difficile, anche sentirselo dire: poi bisogna vincere in dieci minuti questa partita qui non è corretto, è ovvio che bisogna fare meglio di quanto fatto questa sera. Ma che fanno, ci picchiano o giochiamo a calcio? Bisogna avere più fiducia, ma quello verrà in automatico: da stasera uno pensa alla partita e rivede ciò che è stato lo scorrere delle fasi e sa riconoscere di non essere stato così capace di letture equilibrate».



© RIPRODUZIONE RISERVATA