JUVENTUS-MANCHESTER CITY/ Delneri: usciamo a testa alta dall’Europa League

- La Redazione

Si conclude con un pareggio l’esperienza in Europa League dei bianconeri

delneri_R375x255_14mag10
Delneri, foto Ansa

JUVENTUS MANCHESTER CITY – La Juventus pareggia per 1 a 1 contro il Manchester City e dice addio all’Europa League. Il club bianconero, per via dei precedenti 5 pareggi viene eliminata, ed ora potrà concentrarsi solamente sul campionato e sulla rincorsa al Milan.

Soddisfatto comunque Gigi Delneri che al termine della partita di ieri sera ha esclamato: «Stasera non c’è rammarico. Quando si comincia una nuova stagione come abbiamo fatto noi, piena di arrivi, piena di attenzioni, certe volte si paga dazio. Noi abbiamo dimostrato perlomeno che siamo usciti col cuore da questa Europa League, con grande dignità. Inoltre non abbiamo perso, meritavamo di vincere qualche partita. Specialmente all’inizio, con un po’ di fortuna, e quando non eravamo ancora pronti, potevamo lottare per qualcosa di diverso. Stasera mi è piaciuto lo spirito, come abbiamo affrontato una partita che non aveva una logica di punteggio, avendo incontrato una squadra con un atteggiamento tattico importante. La squadra è pronta per far bene in campionato e anche in Coppa Italia, che è un torneo che ci interessa molto».

Delneri ha aggiunto: «Un anno di esperienza in più che avevano gli altri. Abbiamo pagato duramente questo impatto iniziale, con tanti cambiamenti, però adesso la squadra ha una sua identità di gioco, con un calcio giusto e razionale. Possiamo competere con tutti, cambiando anche gli interpreti, per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati all’inizio dell’anno». Ed ora bisognerà subito pensare al Chievo, sfida del prossimo weekend: «Ora è tutto fondamentale. Per la Juve è la diciassettesima partita fondamentale, come lo saranno la diciottesima, la diciannovesima e la ventesima. Per la Juve si è detto dall’inizio che le partite erano fondamentali. Per adesso stanno riuscendo bene e speriamo che continuino a dire che sono fondamentali così siamo carichi. Ogni domenica si deve dimostrare che siamo la Juve».







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori