CALCIOMERCATO/ Juventus, Lippi, Spalletti, Amauri: trattative al 30 gennaio

- La Redazione

Il presidente ha smentito categoricamente un ritorno di Lippi

Agnelli_Andrea_r375_20mag10
Agnelli (Ansa)

Lippi e Spalletti per rilanciare la Juventus. E’ questo il progetto svelato ieri dal Corriere dello Sport che sottolineava come i due avrebbero potuto ricoprire un ruolo importante nell’organigramma della prossima stagione. L’ex ct della Nazionale sarebbe stato il nuovo vicepresidente esecutivo, mentre il tecnico toscano avrebbe preso il posto di Gigi Delneri. «Sono tutte minchiate» ha sbottato in conferenza Andrea Agnelli, mandando un messaggio chiarissimo. Poi il patron bianconero ha continuato nel suo ragionamento. «Sapevamo che questo sarebbe stato un anno difficile – ha spiegato il presidente – ma questo non cambia il nostro programma, che mira a costruire una squadra vincente. Un programma che è iniziato quest’estate e che proseguirà nella prossima. Dobbiamo ricordarci la situazione che abbiamo trovato quando abbiamo iniziato a lavorare sette mesi fa: dal punto di vista sportivo venivamo dalla peggior stagione degli ultimi anni. Questo ha fatto sì che la situazione finanziaria e patrimoniale ora sia delicata. La mancata qualificazione alla Champions, la centralizzazione dei diritti tv e la costruzione dello stadio determineranno una perdita significativa nel bilancio di quest’anno. Questo però non ci impedirà di andare avanti con il nostro programma».

Intanto tiene banco la questione Amauri. Il giocatore starebbe anche pensando di cambiare aria, ma al momento mancano solo 48 ore alla chiusura del mercato e bisogna fare in fretta. Il suo procuratore ieri ai nostri microfoni ha aperto all’ipotesi. «In questi giorni –dice Giampiero Pocetta agente del giocatore a ilsussidiario.net – potrebbero presentarsi nuovi scenari. Lui vorrebbe rimanere alla Juventus per dimostrare il proprio valore, ma ha bisogno di serenità e se non la troverà a Torino potrebbe ritrovarla da qualche altra parte». Su di lui squadre inglesi, Genoa e Lazio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori