CALCIOMERCATO / Juventus, il punto sul mercato al 5 gennaio: Dzeko, Gilardino e Bale

- La Redazione

Sfumano due obiettivi in attacco

Bale_R400_5ott10

– Il punto sul mercato al 5 gennaio – Giorno amaro per i tifosi juventini e la dirigenza bianconera. Ieri in pochissime ore sono infatti sfumati, uno via l’altro, due obiettivi per l’attacco. Dzeko va al City, Gilardino resta alla Fiorentina. E la Juventus? Di concreto solo un movimento in uscita, Lanzafame al Brescia.

Anche se in entrata si apre una porta importante che conduce a un sogno, sebbene di mezza estate e non nel mercato invernale: Gareth Bale.

DZEKO: Edin Dzeko, tanto inseguito la scorsa estate dalla Juventus, che sperava di tornare all’attacco in giugno, è un giocatore del Manchester City. Il Wolfsburg lo ha ceduto per una cifra intorno ai 30 milioni di euro (qualcosa in meno, si vocifera). A ufficializzare l’arrivo del Diamante bosniaco in Inghilterra è stato l’allenatore dei Citizens, Roberto Mancini, nel primo pomeriggio.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE NEWS CALCIOMERCATO JUVENTUS

GILARDINO: Sempre nel pomeriggio, altra doccia fredda per Marotta e soci. La Fiorentina con una nota ufficiale sul proprio sito dichiara incedibile Alberto Gilardino. Un passo che sa tanto di chiusura definitiva. E pensare che sino a qualche giorno fa il Gila sembrava già designato come il centravanti del futuro bianconero. Sarà difficile che i Della Valle si rimangino così la parola. Anche se a giugno…

 

BALE: A proposito di giugno. In mezzo alle tante notizie infelici di ieri, eccone una che ha fatto tornare a brillare gli occhi dei tifosi bianconeri. Il procuratore di Gareth Bale, Peppino Tirri, intervistato in esclusiva da ilsussidiario.net, ha confermato che la Juventus si è già mossa per l’esterno gallese che ha strapazzato Maicon nella doppia sfida di Champions contro l’Inter. Il sogno è per giugno, ma occorre che il Tottenham resista all’offensiva del Real Madrid, che vorrebbe portare in Spagna il giocatore già a gennaio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori