CALCIOMERCATO/ Juventus, bianconeri tra Rhodolfo e Tevez: le ultime

- La Redazione

I bianconeri possono prenderne uno solo a gennaio, visto che entrambi sono extracomunitari. Decisivo sarà il parere di Conte, che dovrà indicare la priorità tra difensore e attaccante…

carlos_tevez_r400-1
Carlos Tevez (foto ANSA)

In casa Juventus la sosta giunge proprio a fagiolo. Dopo la sfida con il Milan, fondamentale per capire il reale valore dei bianconeri, Marotta e Paratici ne approfitteranno per recarsi in Brasile. Il motivo è sempre quello. Cercare di chiudere definitivamente la trattativa con il San Paolo per portare Rhodolfo a Torino. E’ lui, infatti, il prescelto per rinforzare la retroguardia. Il club paulista chiede una cifra tra i 10 e i 12 milioni di euro, mentre la Juve, per il momento, si è fermata a 8 milioni. La dirigenza proverà ad insistere, ma senza fare follie. Qualora il San Paolo dovesse continuare a fare resistenza, allora si getterebbero tutte le fiches sul tavolo per Carlos Tevez. Perchè l’Apache è alternativo al brasiliano? Perchè sono entrambi extracomunitari e la Juventus può, dunque, prenderne uno solo. L’affare, oltretutto, non sembra più proibitivo come in estate. L’argentino ha rotto con il Manchester City, che ha in mente di sospenderlo fino a gennaio dopo la ‘bravata’ di Monaco di Baviera (dove il giocatore rifiutò di entrare dalla panchina). I Citizens sono ben contenti di mandarlo via nel corso della finestra invernale, e pure ad un prezzo relativamente contenuto. Si vocifera di una cifra intorno ai 20 milioni di euro, forse anche meno, di certo siamo ben lontani dai 45 milioni richiesti in estate. La Juve, però, dovrà fare i conti con la concorrenza di Inter e Paris St. Germain. Senza contare che dovrà risolvere, una volta per tutte, il dilemma: prendere un difensore (Rhodolfo) o una punta per completare la rosa? Vista l’abbondanza di attaccanti, non è escluso che Conte dia il via libera per il brasiliano, oppure per un altro centrale di livello, se l’affare con il San Paolo dovesse arenarsi. E’ pur vero che in attacco la situazione è tutt’altro che definita. Non è da escludere, a questo proposito, la partenza di Fabio Quagliarella, che rischia di essere chiuso irrimediabilmente da Vucinic, Del Piero e Matri. Sullo stabiese pare abbia già chiesto informazioni la Roma di Luis Enrique. Ad ogni modo, sarà decisivo il parere di Antonio Conte: difensore o attaccante, deciderà il mister. Che, intanto, si gode un super Barzagli. L’ex-Wolfsburg è stato uno dei migliori in quest’avvio di stagione.

Dovesse arrivare un altro centrale, non è affatto detto che sia lui a tornare in panchina. Più probabile che un certo Chiellini traslochi a sinistra…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori